BOFFO: CONFALONIERI A CORSERA, FELTRI? PUBBLICA NOTIZIE

POL:BOFFO
2009-08-31 12:10
BOFFO: CONFALONIERI A CORSERA, FELTRI? PUBBLICA NOTIZIE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 31 AGO – “C’é chi ha voluto accendere il fuoco. E ora ci si lamenta se qualcun altro fa il suo mestiere di giornalista e pubblica notizie”. Così il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri interviene sul caso Feltri-Boffo in un’intervista pubblicata dal Corriere della Sera. Dopo aver citato il proverbio “chi la fa…l’aspetti”, Confalonieri sul direttore del Giornale dice: “un giornalista estremo ma giornalista, che riporta come tanti altri notizie.Si dovrebbe fermare adesso perché non riguardano Berlusconi che in questi mesi è sembrato il bersaglio di tre palle e un soldo nel Luna Park? quello al quale tutti possono sparare senza che nessuno chieda conto di niente? Sono tre mesi che si parla di ‘papi’ e di ‘D’Addariò, che si continua a diffamarlo, poi arriva un fatto che non riguarda e improvvisamente c’é chi sui giornali scopre che non si può andare avanti così. Ma andiamo…”. Sulla situazioni generale il presidente di Mediaset osserva: “E’ un momento di imbarbarimento. Ma non mi fanno certo pena quelli che hanno appiccato il fuoco, e non è stato Feltri, e che ora temono di bruciarsi”. E ancora: “forse bisognerà  aspettare che arrivi la generazioni dei venticinquenni al potere perché la si faccia finita con questo clima da Santa Inquisizione. Perché se Berlusconi querela chi l’ha diffamato, immediatamente è ‘un attacco alla liberta’ di stampà  e si fa muovere mezza Europa. Poi, quando si tirano fuori notizie sgradevoli per altri signori, che si tratti dell’Avvocato o di De Benedetti, ecco che si grida subito alla scandalo? Feltri da fastidio per Boffo o perché tocca argomenti tabù? E che dire degli interessi privati nascosti dietro il ritornello sulle privatizzazioni come la Sme, Seat, operazioni tipo Omnitel'”. Dopo aver detto che si attacca Berlusconi “perché sta facendo cose normali” e che “ci si illude di salvare l’Italia con i Franceschini e i Bersani, che è pure una brava persona peccato sia comunista”, Confalonieri conclude: “io sono solo amico di Berlusconi che all’indice c’é finito da quasi due decenni oramai”.(ANSA).
LC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo