AVVENIRE: FAMIGLIA CRISTIANA, MOLTI RIMPIANGONO CHIESA DEL SILENZIO

01-09-2009   15:36         [Politica]
AVVENIRE: FAMIGLIA CRISTIANA, MOLTI RIMPIANGONO CHIESA DEL SILENZIO
(ASCA) – Roma, 1 set – Famiglia Cristiana di questa settimana esprime solidarieta’ al direttore di Avvenire Dino Boffo per il ”grave e disgustoso attacco subito per aver osato criticare scelte del Governo”. Nell’editoriale di apertura, il settimanale dei Paolini trae, dall’attualita’ politica, una riflessione sulla liberta’ di espressione della Chiesa: ”Nell’Italia d’oggi, molti sembrano rimpiangere la ‘Chiesa del silenzio’. Sono coloro che ogni volta che vescovi, parroci o mass media cattolici fanno sentire la loro voce, parlano di ‘indebite ingerenze’, minacciano ricatti e ritorsioni, brandendo l’otto per mille o il Concordato come cappio al collo di una Chiesa che si vorrebbe reticente o in ostaggio”. Ed aggiunge: ”Stupisce, da una parte e dall’altra, l’invito alla Chiesa e ai suoi rappresentanti a non occuparsi di cio’ che succede nel Paese e badare solo a ‘cio’ che le compete’. Come se la difesa della dignita’ di ogni vita umana (dal bambino condannato a non nascere allo straniero inghiottito nel mare oltre che nell’indifferenza generale) non fosse di sua competenza”. Il settimanale critica inoltre le ipotesi espresse dal presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga (non esplicitamente citato con nome e cognome) riguardo la necessita’ di controllo ”sulle dichiarazioni di responsabili della Curia, degli organi della Cei, dei vescovi italiani e degli organi di stampa della stessa Conferenza episcopale, delle singole diocesi o di istituti religiosi, quale ad esempio Famiglia Cristiana”, e fa riferimento al testo del Concordato in cui ”e’ garantita ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena liberta’ di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. E nell’enciclica ‘Gaudium et Spes’ Famiglia Cristiana trova conferma sul dovere dei cristiani di ”denunciare come ingiuste le conseguenze di leggi che violano l’uguaglianza e i diritti fondamentali di ogni uomo. La logica del Vangelo non ammette silenzi. La reticenza puo’ salvare equilibri politici, ma non tacitare la coscienza. Si’ a compromessi realistici, ma non al prezzo della dignita”’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo