Mostra Venezia / Registi e attori chiedono nuova legge sul cinema

Mostra Venezia / Registi e attori chiedono nuova legge sul cinema

Francesca Comencini legge documento di protesta contro tagli Fus

Venezia, 2 set. (Apcom) – Registi, attori e maestranze del cinema portano a Venezia la protesta contro i tagli al FUS e puntano l’attenzione sui problemi del settore. In un incontro promosso dalle Giornate degli Autori e da molte associazioni di settore, tra cui MovEm09, Movimento Emergenza Cultura Spettacolo Lavoro, che riunisce circa 39 sigle tra le principali del settore, dagli autori ai direttori fotografia, tecnici del suono, registi, agenti, scrittori, attori, critici e giornalisti, Francesca Comencini ha letto un documento in cui si diceva: “Pensiamo ad una forma di intervento che vada oltre l’assistenzialismo, la lamentela e la richiesta. Siamo proprio noi a lanciare una sfida, a chiedere una legge di sistema che sganci definitivamente il mondo del cinema dalla politica, a chiedere la creazione di un organismo pubblico, un Centro Nazionale della Cinematografia, pronti al confronto e al dialogo con tutte le parti politiche e sociali.”

I documenti letti ricordano che gran parte dei 250mila lavoratori dello spettacolo sono già  occasionali, precari, privi di tutele e diritti, e che l’investimento pubblico in Italia è agli ultimi posti tra i paesi europei, con circa lo 0,22% del Pil, a fronte di una media europea dell’1,5% . “Tutto questo non basta, non va bene, non è quello che vogliamo. – si legge nel documento – I circa 250mila lavoratoti precari non chiedono assistenzialismo, ma il reintegro di quanto era previsto, l’introduzione di tasse di scopo sul modello francese, tax shelter e tax credit” .

Per questo il 6 settembre ci sarà  la prima giornata di lavoro, per elaborare delle proposte concrete. Presenti all’incontro Mario Monicelli, Ottavia Piccolo, Andrea Purgatori, Domenico Procacci. I vari documenti letti sono stati firmati, tra gli altri, da Liliana Cavani, Ivan Cotroneo, Luca Guadagnino, Valerio Mieli, Susanna Nicchiarelli, Miche Placido, Giuseppe Tornatore, Maurizio Zaccaro, Ettore Scola, Mario Monicelli, Carlo Lizzani, Francesco Rosi, Ugo Gregoretti, Furio Scarpelli, Emidio Greco.

Durante il dibattito sono stati distribuiti sacchetti di riso amaro nero e spille con la maschera tragica. Il riso sarà  probabilmente lanciato da alcuni attivisti all’apertura del tappeto rosso di questa sera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo