ICE: L’EDITORIA ITALIANA TORNA A PECHINO DAL 3 AL 7 SETTEMBRE

ICE: L’EDITORIA ITALIANA TORNA A PECHINO DAL 3 AL 7 SETTEMBRE
(AGI) – Roma, 3 set. – Al fine di rafforzare la posizione dell’editoria italiana in Cina, per il quarto anno consecutivo l’Istituto nazionale per il Commercio Estero (Ice), in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (Aie), ha organizzato uno stand italiano alla Beijing International Book Fair, che si svolgera’ da oggi 3 settembre fino al 7 settembre 2009 e che vedra’ la partecipazione di 12 case editrici e della Bologna Children’s Book Fair. Nell’ambito della manifestazione fieristica, il 4 settembre Ice ed Aie, in collaborazione con la Bologna Children’s Book Fair, hanno organizzato un seminario italo-cinese dedicato alla letteratura per ragazzi e alle possibili forme di sfruttamento dei diritti del libro per bambini dal titolo ‘Copyright, licensing and subsidiary rights. An outlook on children’s publishing market’.(AGI) ICE: L’EDITORIA ITALIANA TORNA A PECHINO DAL 3 AL 7 SETTEMBRE (2)
(AGI) – Roma, 3 set – Il settore dei libri per ragazzi rappresenta, infatti, ben il 29% del totale delle vendite italiane dei diritti di edizione a case editrici straniere (indagine Doxa per Ice) e nel 2007 ha fatto registrare una crescita del 106,6% (1.004 titoli venduti) rispetto al 2001. Al seminario interverranno Antonino Laspina, direttore dell’Ufficio Ice di Pechino, e rappresentanti di rilievo nel campo dell’editoria per ragazzi: Barbara Schiaffino – Premio Andersen, Roberta Chinni – Bologna Children’s Book Fair, Cinzia Seccamani – Istituto Geografico De Agostini, Claudia Mazzucco – Atlantyca. La Cina si sta aprendo sempre piu’ verso la cultura straniera ed e’ quindi un mercato ad elevato potenziale per la vendita dei diritti di edizione. L’industria editoriale cinese e’ cresciuta nel periodo 2004-2008 con un tasso medio annuo del 6,3%, ed oggi si colloca al primo posto nel mondo per valore della produzione, con 14,56 miliardi di euro nel 2008. Secondo i dati forniti dal Gapp (General Administration of Press and Publication), nel 2008 la Cina ha prodotto: 15.869 miliardi di copie di libri, 305 milioni di copie di periodici, 164 milioni di copie di quotidiani, 265 milioni di prodotti audio-video, 31 milioni di copie di pubblicazioni elettroniche. Il valore complessivo della vendita di libri nel 2008 e’ stato di 5,40 miliardi di euro, crescono i titoli pubblicati 954.256 (di cui 140.171 novita’ editoriali), contro gli 875.000 (di cui 133.000 novita’ editoriali) del 2007. Il forte interesse per l’editoria straniera e’ dimostrato dall’andamento dell’interscambio di copyright, secondo i dati rilevabili da un aggiornamento dell’indagine sul mercato editoriale in Cina realizzato dalla Beijing Topview Consulting. Nel 2008 l’import di copyright ha toccato un picco di 15.776 titoli (per un valore di 81,55 milioni di dollari), con un incremento del 53,8% rispetto al 2007, mentre l’export di copyright ha subito una lieve flessione passando dai 2.571 titoli del 2007 a 2.440 titoli. Tra i Paesi da cui la Cina importa copyright, figura al primo posto Taiwan (con il 38% del totale importato), seguito dagli Usa (25%), Regno Unito (11%), Giappone (7%) e Corea (4,8%). Anche se l’importanza dell’Italia sul mercato cinese e’ minore, l’export di diritti italiani verso la Cina risulta in costante aumento negli ultimi anni e riguarda principalmente narrativa, libri d’arte, saggistica, libri illustrati. Come emerge dall’indagine della Doxa le nostre vendite di diritti in Cina sono passate da 87 titoli nel 2006 a 142 nel 2007. Oggi il peso dei mercati asiatici sull’export italiano complessivo di copyright ha raggiunto l’11,5%. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo