AVVENIRE: BOFFO, CHE C’ENTRO CON GUERRA TRA GRUPPI EDITORIALI E POTERI?

Condividi

03-09-2009   14:34         [Politica]
AVVENIRE: BOFFO, CHE C’ENTRO CON GUERRA TRA GRUPPI EDITORIALI E POTERI?
(ASCA) – Roma, 3 set – ”Mentre sento sparare i colpi sopra la mia testa mi chiedo: io che c’entro con tutto questo? In una guerra tra gruppi editoriali, tra posizioni di potere cristallizzate e prepotenti ambizioni in incubazione, io – ancora – che c’entro?”. Se lo chiede il direttore di Avvenire Dino Boffo nella lettera in cui annuncia al presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, le proprie dimissioni irrevocabili. ”Perche’ – prosegue – devo vedere disegnate geografie ecclesiastiche che si fronteggerebbero addirittura all’ombra di questa mia piccola vicenda? E perche’, per ricostruire fatti che si immaginano fatalmente miei, devo veder scomodata una girandola di nomi, di persone e di famiglie, forse anche ignare, che avrebbero invece il sacrosanto diritto di vedersi riconosciuto da tutti il rispetto fondamentale? Solo perche’ sono incorso, io giornalista e direttore, in un episodio di sostanziale mancata vigilanza, ricondotto poi a semplice contravvenzione?”. ”Mi si vuole a tutti i costi far confessare qualcosa – aggiunge -, e allora diro’ che se uno sbaglio ho fatto, e’ stato non quello che si pretende con ogni mezzo di farmi ammettere, ma il non aver dato il giusto peso ad un reato ‘bagatellare’, travestito oggi con prodigioso trasformismo a emblema della piu’ disinvolta immoralita”’.