ESTATE:EXPEDIA,TURISMO ONLINE NON IN CRISI,+13% PRENOTAZIONI

CRO:ESTATE
2009-09-03 17:20
ESTATE:EXPEDIA,TURISMO ONLINE NON IN CRISI,+13% PRENOTAZIONI
METE PREFERITE ITALIA E USA, MA CRESCE LA VOGLIA DI GIAPPONE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 3 SET – I consumi ristagnano, il turismo soffre meno, ma aumenta chi prenota su internet e sceglie mete più vicine. Lo rileva il portale di viaggi online Expedia che segna per il trimestre giugno-agosto un incremento del numero di transazioni del 13,2% rispetto allo stesso periodo del 2008. In cima alle destinazioni più scelte dagli utenti di Expedia.it c’é l’Italia. Per risparmiare sugli spostamenti gli italiani hanno scelto vacanze in casa, all’insegna della scoperta del patrimonio naturale, artistico e culturale, con weekend “fuori porta”. Rispetto al 2008 i viaggi nostrani sono cresciuti del 19,2%. Ma molti sono anche quelli che scelgono di andare all’altro capo del mondo: gli Stati Uniti si confermano al secondo posto delle destinazioni preferite. Distanti, in termini di volumi di transazioni, le destinazioni europee, ma i dati sulle prenotazione rivelano un trend particolarmente positivo in particolare per Regno Unito (+38,5%), Germania (+27,4% grazie anche all’interesse per i Mondiali di Atletica ad agosto) e Spagna (+17,5%), che si posizionano rispettivamente al quinto, al sesto e al terzo posto della top ten delle destinazioni preferite per l’estate 2009. Cresce anche la Svezia con un +68%, grazie al boom di Stoccolma, favorita in particolare dall’arrivo di nuovi collegamenti da diverse città  italiane con compagnie aeree low cost. Ma la meta emergente negli ultimi mesi è il Giappone, con un volume delle transazioni quasi triplicati rispetto al 2008 e una crescita sul 2007 del 207,5%. (ANSA).
I03-SV/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)