Boffo/ Libero: “Il Papa non perdona, lui a volere dimissioni”

Boffo/ Libero: “Il Papa non perdona, lui a volere dimissioni”
“Duro richiamo anche a vescovi per come hanno gestito caso”

Roma, 4 set. (Apcom) – “E’ stato proprio il Papa a volere le dimissioni di Boffo”. E’ l’ipotesi che sposa ‘Libero’ riportando “la convizione di molti cattolici di maggioranza compreso qualche esponente di governo” e titolando la prima pagina con un secco “Il Papa non perdona”. “Se c’è una questione sulla quale il Papa si è dimostrato particolarmente inflessibile – ragiona il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro – sono gli scandali sessuali”.

Ci sarebbe stato anche da parte del Pontefice “un durissimo richiamo ai monsignori per il pessimo modo in cui hanno gestito la situazione: il fatto che il Papa abbia telefonato direttamente a Bagnasco è un chiaro segnale del suo profondo malcontento per il modo in cui l’episcopato ha fatto degenerare la vicenda. Non si era mai visto, nemmeno ai tempi di Ruini, che il Pontefice scendesse in campo in difesa della Cei”. Tra l’altro, prosegue ‘Libero’, anche tra i vescovi “c’erano due fazioni anti-Boffo: una dei vescovi ex ruiniani che lo ritenevano indegno di dirigere i media cattolici, una di quelli che, paradossalmente, gli attribuivano un’eccessiva vicinanza al centrodestra”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo