Rai/ Rizzo Nervo: Non vedo perchè Ruffini se ne debba andare

Rai/ Rizzo Nervo: Non vedo perchè Ruffini se ne debba andare
Suo avvicendamento sarebbe contrario a logiche aziendali

Roma, 8 set. (Apcom) – Inizia con una battuta la difesa d’ufficio del direttore di Raitre Paolo Ruffini da parte del consigliere di amministrazione Nino Rizzo Nervo: “Non avrei mai partecipato alla conferenza stampa di un direttore che sta per andarsene”.
‘L’occasione è la conferenza stampa di presentazione della ottava edizione di Ballarò e l’arringa è di quelle accorate: “Se ci fosse qualcuno che vuole cambiare la linea editoriale e la direzione della rete sarebbe anche legittimo, ma sarà  costui che deve spiegare il perchè si vuole cambiare” quella che Giovanni Floris ha definito “la terza rete italiana” e che per Ruffini stesso è quella “che fa più servizio pubblico”.

Stamattina a viale Mazzini è stato spiegato da Rizzo Nervo “che non sta scritto da nessuna parte, visto che sono cambiati i direttori di Raiuno e Raidue, che la stessa sorte debba toccare anche a Rai Tre”. D’accordo con il consigliere di amministrazione anche il conduttore: per Floris “non ci sono motivi di rimuovere Ruffini. In sette anni ha portato la terza rete ad essere quella più seguita, quale azienda rinuncerebbe a un direttore così? E’ un assurdo anche solo doverne parlare”.

Da ultimo ‘l’imputato’: Ruffini ha premesso “di non essere candidato a nulla”, ma contemporaneamente ha rivendicato “la propria professionalità ” chiedendo di “guardare ai risultati conseguenti” e definendosi soltanto “un professionista che cerca di fare una buona tv. Nessuno dei vertici aziendali – ha comunque precisato in conclusione – mi ha chiamato in questi giorni per dirmi qualcosa in merito a ciò che leggo sui giornali”.

Gic/Fva

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi