ANNOZERO: SANTORO ALLA RAI, SU TRAVAGLIO ESISTONO OBIEZIONI?

ANNOZERO: SANTORO ALLA RAI, SU TRAVAGLIO ESISTONO OBIEZIONI?
(AGI) – Roma, 8 set. – “La richiesta di confermare la presenza in trasmissione di Marco Travaglio e’ stata avanzata il 3 Agosto. Perche’ il Direttore Generale non ha sollevato problemi? Esistono delle obiezioni? In che data potremo conoscerne il senso?”. E’ quanto scrive Michele Santoro in una lettera indirizzata al direttore di Raidue, Massimo Liofredi, e ‘per conoscenza’ direttore generale di Viale Mazzini, Mauro Masi, e al presidente del CdA, Paolo Garimberti. “Gentile Direttore, per amore della precisione: le nostre richieste dei contratti sono state formalizzate a fine luglio dopo la tua nomina. Perche’ sono state inoltrate solo alla fine della scorsa settimana? Quanto tempo ci metteranno gli uffici competenti per renderle operative? A che data avremo la nostra redazione al completo?”. Santoro aggiunge che “Le esigenze tecniche di Annozero sono state concordate nel corso della riunione di produzione tenutasi il 29 luglio scorso con la partecipazione determinante dei funzionari della Rete. Spetta al Centro di Produzione e a Raidue mettere a disposizione del programma le risorse indispensabili. In che data, a tuo parere, dovevano essere disponibili le troupes? Quando saranno disponibili?”. Il giornalista nela missiva scrive ancora: “Abbiamo preparato gli spot del programma dalla settimana passata. Quando andranno in onda? E se non intendete mandarli in onda, in che modo la Direzione di Rete prevede di far conoscere al pubblico la data del debutto?”. In ultimo Santoro ricorda che “La sentenza prevede che io abbia a disposizione le risorse necessarie alla realizzazione del programma. La Rai intende rispettarla?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari