Imprese/ Milano e Lombardia prime in Italia per aziende high-tech

Apc-Imprese/ Milano e Lombardia prime in Italia per aziende high-tech

 

 

 

E’ quanto emerge da un Rapporto della Camera Commercio di Milano

Milano, 9 set. (Apcom) – Milano e la Lombardia prime in Italia per concentrazione di imprese basate sulle nuove tecnologie: rispettivamente una su cinque (20,6%) e una su tre (31,7%). Sono infatti quasi 1.300 le imprese high-tech milanesi, su un totale lombardo che raggiunge circa le 2 mila attività , e impiegano il 71,4% del totale degli addetti regionali del settore. Seguono Brescia e Bergamo per numero di imprese (rispettivamente: 143 e 135), Monza e Varese per percentuale di addetti (9,3% e 8,9%). E quanto emerge dal Rapporto Milano Produttiva 2009 del Servizio Studi della Camera di commercio di Milano.

Nel dettaglio le giovani imprese high-tech della provincia di Milano sono fortemente specializzate nella realizzazione di software e consulenza in ambito ICT, nell’elettronica e nelle biotecnologie. La realizzazione di software e la consulenza in ambito ICT hanno un ruolo prevalente rispetto agli altri settori, con una concentrazione pari al 48,2%, decisamente superiore a quella lombarda (40%) e nazionale (33,6%). Ma queste imprese hanno difficoltà  nell’accedere al credito. Solo il 20,5% delle imprese basate sulle nuove tecnologie nella provincia di Milano ha accesso al debito ordinario, in linea con il 17,8% del resto d’Italia. Nella provincia di Milano, solo il 4,2% delle imprese ha ottenuto un finanziamento sotto forma di capitale di rischio mentre, se si analizzano le fasi di vita immediatamente successive, il finanziamento è stato ottenuto dal 15,2% delle imprese high-tech, contro una media nazionale dell’11%. E se il 62,7% dei soci fondatori delle imprese high-tech italiane ha risorse finanziarie personali sufficienti a iniziare l’attività  imprenditoriale, a causa delle maggiori dimensioni iniziali, tale percentuale scende per Milano al 49,2%. Inoltre, la percentuale di imprese high-tech che ha ottenuto un finanziamento pubblico è inferiore nella provincia di Milano (35,6%) rispetto al resto d’Italia (40,7%).

Per domani invece è in programma la giornata nazionale sul tema Ict nell’ambito del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico, organizzata dall’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea – per conto del MIUR, in collaborazione con Innovhub, Azienda Speciale per l’Innovazione della Camera di Commercio di Milano. L’incontro ha lo scopo di presentare il V bando del Tema ICT del programma specifico Cooperation parte del Settimo Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell’Unione Europea.

“L’importanza del settore Ict per l’Europa emerge sia dal fatto che esso rappresenta il 6-8% del Pil europeo sia perché le sue tecnologie sono vitali per andare incontro alle sfide della globalizzazione”, afferma Alessandro Spada, presidente di Innovhub e consigliere della Camera di Commercio di Milano. “Per questo anche quest’anno Innovhub – Azienda Speciale per l’Innovazione della Camera di commercio di Milano – ospita la giornata nazionale di lancio del bando ICT, uno dei temi chiave del 7° Programma Quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico.
Le aziende meritano di ricevere informazioni adeguate, puntuali e di qualità  su quanto succede in Europa e su ciò che è a loro disposizione per la ricerca scientifica. Questo anche nell’ottica più ampia di attività  della Camera di commercio a livello europeo come partner di Enterprise Europe Network, rete europea co-finanziata dalla Commissione Europea per avvicinare le PMI alle tematiche comunitarie”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)