CINEMA: ANEC, STATO E INDUSTRIA AIUTINO ADEGUAMENTO 3D

SPE:CINEMA
2009-09-10 16:12
CINEMA: ANEC, STATO E INDUSTRIA AIUTINO ADEGUAMENTO 3D +RPT+
– RIPETIZIONE CORRETTA ALLA TERZA RIGA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 SET – Senza l’aiuto dello Stato e dell’industria cinematografica le sale cinematografiche non potranno mantenere l’attuale ritmo di crescita del 3D: è questo il messaggio lanciato da Paolo Protti, presidente dell’Anec, associazione nazionale esercenti cinema, in una lettera pubblicata sul numero in edicola di ‘Magazine’. “Sono 267 le sale italiane attrezzate per la proiezione dei film in 3D – ricorda Protti – solo ad aprile scorso erano 104. Lo sviluppo del 3D è dunque molto rapido e pone il nostro Paese ai primissimi posti in Europa nell’applicazione di questa nuova tecnologia”. Per Protti tuttavia esiste il rischio di un “serio rallentamento” di questo sviluppo qualora “l’adeguamento al 3D sarà  lasciato, come si è fatto fino ad ora, prevalentemente sulle spalle degli esercenti, senza una congrua partecipazione degli altri partner dell’industria cinematografica e un’ adeguata attenzione dello Stato”. (ANSA).
I07-SAM/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo