Rai/ Floris: Immotivata cancellazione prima puntata di Ballarò

Apc-*Rai/ Floris: Immotivata cancellazione prima puntata di Ballarò

“Non riesco a comprenderne le ragioni”

Roma, 13 set. (Apcom) – La cancellazione della prima puntata di Ballarò è “un atto immotivato”, secondo il conduttore Giovanni Floris. In una nota, Floris spiega: “Non riesco a comprenderne le ragioni. Avremmo potuto trattare gli stessi temi dello speciale di Rai Uno, non vedo il motivo di sostituirci.
Abbiamo un inviato in Abruzzo da due settimane, e la cerimonia del 15 settembre era un avvenimento previsto da tempo, da prima che presentassimo la trasmissione. Si tratta di un avvenimento in agenda; non di un evento, non di un imprevisto, nè di un’emergenza. So che (nel rispetto del suo ruolo) il direttore Ruffini lo ha fatto notare all’azienda, ma non è stato ascoltato”.

Aggiunge il conduttore di Ballarò: “Naturalmente poi avremmo parlato anche di altro, di attualità  politica e di attualità  economica. La prima puntata era stata inoltre presentata una settimana fa in una conferenza stampa tenuta alla presenza del capo ufficio stampa Rai”.

Continua Floris: “Sono dispiaciuto, certo, ed è dire poco. E’ come aver lavorato per mandare in stampa un giornale e vederne poi un altro in vendita nelle edicole. A tutti quelli che mi telefonano allarmati dico che mi auguro che sia solo un episodio sgradevole e grave, e che mi auguro che andremo in onda prima possibile dicendo tutto quello che abbiamo da dire”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi