Rai/ Gentiloni: Con cancellazione Ballarò inizia normalizzazione

Apc-Rai/ Gentiloni: Con cancellazione Ballarò inizia normalizzazione

“Evidentmente si ritiene più affidabile il duo Minzolini-Vespa”

Roma, 13 set. (Apcom) – E’ iniziata la “normalizzazione” di Rai Tre. Paolo Gentiloni, responsabile comunicazione Pd, commenta così la notizia della cancellazione della prima puntata di Ballarò, inizialmente prevista per martedì prossimo: “La cancellazione della puntata di Ballarò decisa dalla direzione generale della Rai per far spazio ad una puntata speciale di Porta a Porta non ha alcuna giustificazione ed appare come un grave tentativo di trasformare la consegna delle prime case ai terremotati di Onna in una sorta di reality show governativo, col premier come protagonista. La consegna delle case, infatti, poteva essere documentata e approfondita dallo stesso Ballarò”.

“La rivoluzione del palinsesto – dice Gentiloni – non ha giustificazione se non davanti ad un evento straordinario e imprevisto, non è questo il caso, visto che la consegna era programmata da tempo. Ballarò, quindi, non va in onda perché giudicato non abbastanza ‘affidabile’, al contrario del duo Minzolini-Vespa, per parlare dell’Aquila. Siamo davanti, da una parte, alla nascita del primo reality di governo dall’altra ad una nuova azione di disturbo nei confronti di trasmissioni ritenute scomode da questo vertice aziendale. Un comportamento doppiamente inaccettabile anche perché preannuncia un vero e proprio tentativo di normalizzazione delle terza rete Rai”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi