MISS ITALIA: MILLY SBAGLIA MA FA CENTRO LO STESSO / ANSA PROGRAMMA TROPPO LUNGO, STASERA GIA’ SI CAMBIA

MISS ITALIA: MILLY SBAGLIA MA FA CENTRO LO STESSO / ANSA
PROGRAMMA TROPPO LUNGO, STASERA GIA’ SI CAMBIA
SALSOMAGGIORE (PARMA)
(dell’inviata Giulia Seno). (ANSA) – SALSOMAGGIORE (PARMA), 13 SET – Gioco sbagliato, gioco indovinato: il vecchio detto bolognese, caro alle cartomanti che s’impicciano azzeccando lo stesso le previsioni, pare attagliarsi all’esordio, ieri sera in diretta su Raiuno, della Miss Italia rinnovata da Milly Carlucci. Il capostruttura di Raiuno Antonio Azzalini ha ammesso che sono stati sbagliati i calcoli sulla durata della trasmissione: ha ‘sforato’ di circa un’ora e venti, chiudendo all’1.51 di notte un programma cominciato alle 21.13 (doveva finire intorno alla mezzanotte e mezza). E, tra staff e conduzione, ci sono stati tre errori di governo del concorso: due nell’elezione di Miss Moda (nel designare una delle quattro concorrenti e nel nominare poi la vincitrice) e uno con la prima miss in gara, alla quale era stato quasi fatto saltare il voto della giuria. Eppure gli ascolti (3.063.000 spettatori e 24.53 di share, ancora meglio alle 00.30 con 3,6 milioni circa, vincendo prime time e serata Tv) hanno premiato la nuova versione. Che è all’insegna di un occhio tutto femminile (anche il patron è ormai Patrizia Mirigliani). E’ cambiato soprattutto il modo di presentare le miss, ora per lo più vestite, grazie anche alla serata dedicata alla Moda (solo due momenti per vederle in costume ‘due pezzi’) e alle sessioni fotografiche con ‘look’ diversi per esaltare le distinte personalità . Poi il voto della giuria, palese e chiaramente mutuato da Ballando con le Stelle, condotta sempre dalla Carlucci. Al pubblico piace: “si è invertita una tendenza – ha detto Azzalini – fino all’anno scorso la prima serata di Miss Italia perdeva ascolti, quest’anno ha rimontato”. Per la soddisfazione di sponsor come Cotonella e Valleverde, che hanno spronato Milly a continuare. Inevitabile qualche battibecco per le forti ‘insufficienze’ elargite dai giurati Guillermo Mariotto e Rita Rusic. Per Azzalini ci vorrebbe “un’aggiustatina per la giuria”, pur rispettandone il lavoro. La Mirigliani: “le miss non sono già  modelle o attrici, sono ragazze di provincia e il gioco funziona perché è così. Vanno viste in prospettiva, per quello che possono diventare e non solo per quello che già  sono”. Più ‘buono’, Ricky Tognazzi ha comunque definito “frustrante il compito della giuria, che ha avuto solo pochi secondi per dare un voto”. Successo comunque anche per il web di Miss Italia Channel: 1,7 milioni i contatti dichiarati. Milly e Azzalini hanno risposto serenamente a quasi ogni critica. Sì, la trasmissione è stata troppo lunga: “Il lavoro ha bisogno di aggiustamenti come tutte le nuove trasmissioni”. E già  stasera non ci saranno più le sfide a gruppi. Ma ieri, “quando ce ne siamo accorti non abbiamo potuto stringere per un problema di ‘politically correct’ nei confronti delle miss che dovevano ancora sfilare”. La Mirigliani riconosce che “Miss Italia ha un problema di liturgia che va rispettato”: per lei Milly ha lavorato con “la meticolosità  che le è congeniale”. Paris Hilton immobile sul palco è colpa del fidanzato geloso che non voleva la toccasse nessuno, neanche i ballerini, dice Milly: “Lei si è pietrificata, ma se arriva un cantante vero, non lei, che decide di esporre la propria immagine in play back non cantando, quella è comunque una performance”. Per il vicedirettore di Raiuno, Claudio Donat Cattin, la Hilton è stata pagata “metà , forse un terzo dei suoi compensi abituali, che viaggiano intorno ai 300.000 euro. Abbiamo abbandonato altre idee, belle, perché le richieste erano fuori dal mercato”. E Azzalini: “comunque lo share in quel momento è balzato al 30%”. Stasera si veleggia verso Miss Cinema, tranne per le ragazze già  eliminate che possono sperare solo nel ripescaggio di quattro escluse per la finalissima.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi