CRISI: SCIOPERO ALLA NORTEL, DIPENDENTI APPENDONO FOTO FIGLI

CRISI: SCIOPERO ALLA NORTEL, DIPENDENTI APPENDONO FOTO FIGLI
(AGI) – Roma, 14 set. – Sciopero a oltranza dei lavoratori della Nortel in Italia contro i licenziamenti. Presidiata la sede di Roma: e’ stata montata una tenda sul punto piu’ alto dell’edificio e appese gigantografie dei figli dei dipendenti alla facciata dell’ufficio. La multinazionale di telecomunicazioni ha infatti avviato a luglio una procedura di licenziamento collettivo per circa 40 lavoratrici e lavoratori. “Ci troviamo di fronte ad una scelta insensata da parte della multinazionale. Il 16 settembre ci sara’ l’ultimo incontro previsto dalla procedura al ministero del Lavoro, alla presenza dei manager inglesi di Ernst e Young, che sta portando avanti la ristrutturazione a livello internazionale” – dichiara Roberta Turi della Fiom Cgil di Roma. “Noi abbiamo chiesto alternative ai licenziamenti, ma se la Nortel non cambiera’ idea dal 18 del mese circa 40 lavoratori verranno messi alla porta”. I lavoratori di Roma e Milano hanno quindi deciso di mobilitarsi per convincere i vertici aziendali a trovare soluzioni condivise e da oggi hanno iniziato uno sciopero ad oltranza per bloccare l’attivita’ dell’azienda che continua a lavorare per clienti come il ministero degli Esteri, il ministero degli Interni e quello delle Finanze. A Roma hanno deciso di presidiare gli uffici di via di Grotta Perfetta 643 giorno e notte, montando anche una tenda sul punto piu’ alto dell’edificio. Cinque di loro hanno anche iniziato lo sciopero della fame. “Ho deciso di scioperare, di non nutrire il mio corpo, non perche’ sono disperato, ma perche’ ho una speranza, quella di contribuire a cambiare le cose” dichiara Antonio B., lavoratore Nortel. “Abbiamo portato avanti, con il sindacato e come lavoratori, tutti gli strumenti del dialogo con quest’azienda, ma fino ad ora ci siamo trovati davanti un muro. Quindi, dal nostro punto di vista, non ci rimane che praticare questa forma di lotta non violenta per indurre chi ha il potere a ricercare soluzioni condivise”. I lavoratori hanno anche deciso di appendere sulla facciata della sede della Nortel le gigantografie dei loro figli. “Quest’atto, decidere di licenziare lavoratori e lavoratrici esperti in tecnologie delle telecomunicazioni, che dovrebbero rappresentare il futuro del paese, fa il paio con l’impossibilita’, per noi che siamo padri e madri, di dare un futuro certo ai nostri figli, se saremo licenziati” – prosegue Antonio. Il 16 settembre, giorno dell’incontro, i lavoratori saranno in presidio dalle 10 alle 13, davanti alla sede romana di Ernst & Young in via delle Botteghe Oscure 4. Alle 14,30 , ora in cui comincera’ il confronto decisivo al ministero del Lavoro, si sposteranno davanti alla sede del dicastero in via Fornovo 8.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci