Rai/Franceschini: Anche Ceausescu avrebbe detto no a show premier

Apc-Rai/Franceschini: Anche Ceausescu avrebbe detto no a show premier

“Porta a Porta reality con terremotati-comparse.Serviva orgoglio”

Bologna, 14 set. (Apcom) – “Anche Ceausescu avrebbe avuto un po’ di orgoglio nel dire no a una rappresentazione” come quella annunciata per domani a ‘Porta a Porta’ con la consegna da parte di Berlusconi delle prime case ai terremotati d’Abruzzo. Per commentare il rinvio della trasmissione ‘Ballarò’ della Rai, il segretario del Pd Dario Franceschini prende come esempio il comportamento del dittatore della Romania.

A margine di un incontro con alcuni sostenitori al Circolo Bolognina di Bologna, Franceschini attacca il presidente del Consiglio e la trasmissione di Bruno Vespa. “E’ un reality – spiega – in cui i terremotati sono trasformati in comparse. Il presidente del Consiglio andrà  dentro le case, aprirà  il frigorifero e dirà  ‘che meraviglia!'”. “Non si capisce – continua il segretario – perchè utilizzare così il dramma delle persone”.

Per Franceschini la consegna delle case ai terremotati “andava fatta” ma “non c’era bisogno di trasformarlo in uno show mediatico. Penso che anche Ceausescu avrebbe avuto un po’ di orgoglio nel dire di no a una rappresentazione così”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi