RAI: SANTORO, BERLUSCONI CONTINUA AD AGIRE NELL’OMBRA

RAI: SANTORO, BERLUSCONI CONTINUA AD AGIRE NELL’OMBRA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 SET – “Sappia Berlusconi, che continua a agire vogliaccamente nell’ombra, che, nel caso, non faremo passare tutto questo senza un’ultima battaglia: sarà  il pubblico di Annozero a chiedre che il suo programma vada in onda”, afferma Michele Santoro a conclusione del suo intervento di stamani a Repubblica Tv, dopo aver parlato del contratto di Marco Travaglio, dei rallentamenti buricratici per Annozero (“Chi parla di lui, parla della trasmissione, sono la stessa cosa”) e del caso Ballarò. “Manca poco più di una settimana al debutto e il direttore generale fa sapere, senza smentire, che il contratto non c’é ancora perché deve esserci un approfondimento in Cda. Perché il cda deve dibattere su Travaglio? E’ forse un delinquente, che non può esprimersi? Esiste una lista di giornalisti che non possono parlare? Non possiamo accettare – continua Santoro – questo gioco del direttore generale se non spiega il perché: se c’é un problema dica quale è. Io sono stato abbandonato e con un grandissimo senso di responsabiolità  ho cercato soluzioni possibili per le quali vengo attaccato dai giornali di Berlusconi, mentre dico e ho sempre detto che senza Marco Travaglio non c’é Annozero”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi