RAI: VESPA, AVEVAMO GIA’ OK DI BERLUSCONI DA GIORNI

POL:RAI
2009-09-14 13:42
RAI: VESPA, AVEVAMO GIA’ OK DI BERLUSCONI DA GIORNI
IL PREMIER DOMANI A PORTA A PORTA, IL 23 OSPITE FRANCESCHINI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 SET – Bruno Vespa aveva già  invitato il premier Silvio Berlusconi per la prima puntata della nuova stagione di Porta a Porta, prevista per domani in seconda serata, e aveva avuto l’ok dal premier: lo ha spiegato lo stesso giornalista, dopo le polemiche delle ultime ore per il rinvio della partenza di Ballarò, legata alla messa in onda di Porta a Porta in prime time in occasione della consegna delle prime case ai terremotati dell’Abruzzo. “Berlusconi – ha spiegato Vespa rispondendo alle domande dei giornalisti – lo abbiamo invitato noi da otto-dieci giorni e il presidente del Consiglio aveva già  accettato di venire a Porta a Porta in seconda serata. Del resto non c’é stata una sola volta in cui Berlusconi abbia chiesto di venire ospite in trasmissione. Lo abbiamo sempre invitato noi”, ha ribadito Vespa, citando i precedenti nei quali anche gli altri premier pro-tempore, da Prodi a Amato a D’Alema, hanno inaugurato il ciclo di Porta a Porta. “Nel momento in cui abbiamo invitato Berlusconi, abbiamo invitato anche Franceschini, che sarà  ospite il 23 settembre”, ha annunciato Vespa.(ANSA).
MAJ/TER S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi