RAI: VESPA VA IN PRIME TIME, NESSUN INPUT DA BERLUSCONI/ANSA

POL:RAI
2009-09-14 15:39
RAI: VESPA VA IN PRIME TIME, NESSUN INPUT DA BERLUSCONI/ANSA
HO INVITATO IO PREMIER; CAPISCO FLORIS MA NON SIAMO ABUSIVI
ROMA
(di Angela Majoli) (ANSA) – ROMA, 14 SET – Dietro la decisione di far esordire domani Porta a porta in prime time con Berlusconi in studio, rinviando la partenza di Ballarò su Raitre, non c’é stata nessuna pressione dal premier – tra l’altro già  previsto come ospite in seconda serata – bensì la scelta editoriale di privilegiare l’approfondimento di Raiuno per seguire un “evento eccezionale” come la consegna delle prime case ai terremotati di Onna. A precisarlo, dopo le polemiche delle ultime ore, è Bruno Vespa, alla presentazione della nuova stagione di Porta a porta con il direttore di Raiuno Mauro Mazza. “Berlusconi – sottolinea Vespa – lo abbiamo invitato noi da otto-dieci giorni e il premier aveva già  accettato di venire a Porta a Porta in seconda serata. Del resto non c’é stata una sola volta in cui Berlusconi abbia chiesto di venire ospite in trasmissione. Lo abbiamo sempre invitato noi. Anche quando venne a parlare del rapporto con la moglie Veronica, avrebbe dovuto partecipare a Porta a porta il giorno dopo, a un mese esatto dal terremoto: fui io a chiamarlo e, alla luce dell’attualità , convincerlo ad anticipare”. Citando i precedenti nei quali gli altri premier pro-tempore, da Prodi a Amato a D’Alema, hanno inaugurato il ciclo di Porta a porta, Vespa spiega che l’invito nei giorni scorsi è stato indirizzato anche al segretario Ds Franceschini, “che sarà  ospite il 23 settembre”. Quanto a Giovanni Floris, conduttore di Ballarò, che ha definito “immotivato” il rinvio della trasmissione, “capisco benissimo – dice Vespa – il suo malumore, anch’io al posto suo mi sarei seccato. Ma mi risulta che Ballarò possa andare in onda giovedì sera ed eventualmente parlare del terremoto in Abruzzo, come ha fatto ieri sera molto bene su Raitre anche Riccardo Iacona con Presadiretta. Non mi pare che si tratti di una mostruosa violazione della libertà “. E poi Porta a porta é stato da sempre in prima linea nell’occuparsi del sisma: “Abbiamo raccolto quattro milioni di euro – ricorda l’abruzzese Vespa – e un milione e mezzo è servito a costruire un asilo di Onna che si inaugura proprio domani, sulla base del progetto di Giulia Carnevale, morta sotto le macerie della sua casa. E volete che io non sia lì a seguire l’evento?”. La prima serata, dunque, “ci sta tutta: non ci sentiamo abusivi. Per tradizione aziendale Raiuno è quella che tira avanti il carretto e non ci devono essere sovrapposizioni con le altre reti”. E poi, sbotta parlando con i cronisti, “io ho dovuto subire ben altro. Vi ricordate quante volte hanno tentato di chiudere Porta a Porta?”. Mazza ha “subito condiviso la richiesta della direzione generale, arrivata nella giornata di sabato, di mandare Vespa in prime time. Ho detto che bastava avere una comunicazione precisa per procedere a modificare il palinsesto programmato”, spiega il direttore di Raiuno, pienamente convinto della titolarità  della rete e del suo programma di approfondimento di punta di occuparsi di un “evento eccezionale” come la consegna delle case ai terremotati. “Perché non ci abbiamo pensato prima? Forse – ammette c’é stato qualche ritardo nella giusta valutazione dell’eccezionalità  dell’evento”. Una scelta, peraltro, indipendente dall’Auditel: Tutti pazzi per la tele, lo show di Antonella Clerici che domani farà  spazio a Porta a porta e sarà  quindi rinviato a martedì prossimo, “avrebbe fatto più ascolti di Vespa – sottolinea Mazza – ma questo fa onore al servizio pubblico”. Da direttore del Tg2, Mazza racconta sorridendo di aver “sofferto tante volte le priorità  aziendali che privilegiavano il Tg1. Oggi me la godo questa consuetudine aziendale che privilegia Raiuno. Se fossi nei panni del direttore di Raitre Ruffini? Direi che Ballarò va in onda martedì prossimo”, conclude. (ANSA).
MAJ-LB/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi