Rai/ Rizzo Nervo: su di me censura a fini interni Rassegna non cita mio editoriale su Europa

Apc-Rai/ Rizzo Nervo: su di me censura a fini interni
Rassegna non cita mio editoriale su Europa

Roma, 15 set. (Apcom) – “E’ proprio vero che ogni giorno ha la sua pena: adesso in Rai si sperimenta la censura a fini interni, evidentemente non si vuol far sapere ai dipendenti cosa pensa un consigliere di amministrazione”. Lo dichiara Nino Rizzo Nervo, consigliere di amministrazione Rai, che sottolinea come “oggi, e non era mai avvenuto, la rassegna stampa aziendale non riporta l’editoriale che ho scritto per Europa dal titolo: ‘I sabotaggi e l’assalto finale a Rai3’. Un disguido? Mi sembra davvero improbabile visto che era l’apertura in prima pagina di quel giornale”.

“Si tratta sicuramente di un piccolo infortunio se paragonato allo slittamento di Ballarò, imbarazzante e mortificante soprattutto per chi lo ha determinato, ma che la dice lunga del clima in azienda. Segnalo, infine, ai dipendenti della Rai altri due articoli sorprendentemente omessi dalla rassegna stampa interna: “Caso Ballarò. Il j’accuse di Mentana: una cosa mai vista” (La Stampa, pag.6) e “Berlusconi teme il flop audience.
Canale 5 blocca il programma su Boffo. Raitre, pressing del centrodestra per Minoli” (La Repubblica pag.10)”, conclude.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari