Rai/ Sito ‘Annozero’ ricorda quando Santoro sfidò ‘Porta a porta’

Apc-Rai/ Sito ‘Annozero’ ricorda quando Santoro sfidò ‘Porta a porta’

Nel 2001 trasmissioni in parallelo su guerra in Afghanistan

Roma, 14 set. (Apcom) – Il sito internet di ‘Annozero’ ricorda, a proposito dello spostamento di ‘Ballarò’, per evitare una sovrapposizione con ‘Porta a porta’, quando Michele Santoro e Bruno Vespa andarono in onda in parallelo, nel 2001, sullo stesso tema, la guerra in Afghanistan.

“Giusto per amore di precisione giornalistica – si legge nel post pubblicato sul sito della trasmissione di Santoro – vogliamo ricordare che non è vero che la sovrapposizione tra programmi giornalistici in Rai non è ‘data in natura’. E` infatti già  accaduto in passato”. A questo proposito il sito di ‘Annozero’ riporta il testo di un lancio di agenzia dell’8 ottobre 2001: ‘Attacco a kabul: Stasera sfida in tv tra Vespa e Santoro’.
‘L`emergenza internazionale vede scontrarsi stasera in tv Bruno Vespa e Michele Santoro: entrambi andranno in onda in diretta in prima serata, rispettivamente su Raiuno e Raidue, per approfondire gli sviluppo dell`attacco anglo americano all`Afghanistan. Vespa avrà  in studio Stefano Silvestri, padre Jean Marie Benjamin e ospiti politici ancora da confermare. Anche lo staff di Santoro è in riunione per definire scaletta e interventi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi