Rai/ Pd annuncia interrogazione su censura a Rizzo Nervo Lusi: “Chi fa la rassegna stampa in viale Mazzini?”

Apc-Rai/ Pd annuncia interrogazione su censura a Rizzo Nervo
Lusi: “Chi fa la rassegna stampa in viale Mazzini?”

Roma, 15 set. (Apcom) – Luigi Lusi, senatore del Partito democratico, rilancia l’allarme del consigliere di amministrazione Rai Nino Rizzo Nervo, che ha denunciato la censura di un suo articolo sul caso Ballarò-Porta a Porta da parte dei compilatori della rassegna stampa aziendale. “Chi è il responsabile e chi fa la rassegna stampa distribuita in Rai?”, chiede Lusi in una nota, annunciando una interrogazione al ministro dell`Economia sull’argomento.

“A questo proposito – prosegue l’esponente democratico – vorremmo sapere chi sia il responsabile della rassegna stampa quotidiana che viene distribuita in Rai; se sia prodotta all`interno dell`azienda o, qualora sia affidata ad un appalto esterno, a quale impresa sia stato dato l`incarico, quale sia il suo costo e quale sia l`elenco delle testate trattate ed esaminate nella rassegna stampa”.

“Viene infine da chiedersi – dice ancora Lusi – se quella di oggi, denunciata dal consigliere Rizzo Nervo, anziché una svista o una dimenticanza non sia invece l`ennesima censura che vede protagonista la Rai e, cosa ancor più grave, che vede minata la missione stessa del servizio pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi