RAI: LA GUIZZANTI A VESPA, ATTENTI A NON ESSERE SBUGIARDATI

RAI: LA GUIZZANTI A VESPA, ATTENTI A NON ESSERE SBUGIARDATI
(AGI) – Roma, 15 set – Se “manipolerete la notizia sarete sbugiardati”. Cosi’ dal suo blog Sabina Guzzanti scrive a Bruno Vespa. “Caro Bruno Vespa e redazione e ordine dei giornalisti – si legge su ‘Saninaguzzanti.it’ -, voi che avete bloccato altri programmi tv perche’ l’Italia tutta sia davanti a ‘Porta a Porta’ stasera per ammirare la prontezza dell’intervento del Governo sulla consegna delle case sappiate che se manipolerete la notizia sarete sbugiardati. Le case le ha fatte il Trentino – scrive Sabina Guzzanti – non il governo, pur essendo solide e durature e antisismiche costano un terzo delle case della protezione civile e sono pure pronte per tempo a differenza di quelle della Protezione Civile. Qualsiasi affermazione trionfalistica ed elogio dell’operato di Berlusconi e Bertolaso sarebbe propaganda e uso del servizio pubblico a scopo privato. Le case fatte ad Onna sarebbero state come ormai si rende conto anche buona parte della popolazione aquilana, l’unica soluzione razionale. 1/2 mesi massimo nelle tende e poi moduli abitativi fino alla ricostruzione”. “La consegna delle case di Onna – conclude la Guzzanti – prova solo che il Governo e la Protezione Civile hanno sbagliato tutto”.(AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi