RAI: GARIMBERTI, CASO BALLARO’-PORTA A PORTA IN CDA/ANSA DOMANI QUESTIONE IN VIGILANZA

RAI: GARIMBERTI, CASO BALLARO’-PORTA A PORTA IN CDA/ANSA
DOMANI QUESTIONE IN VIGILANZA
ROMA
(di Elisabetta Stefanelli) (ANSA) – ROMA, 15 SET – Mentre impazza la polemica politica, il presidente della Rai Paolo Garimberti fa sapere che della vicenda dello slittamento di Ballarò e della puntata speciale di Porta a Porta si parlerà  nel Cda di giovedì riportando la questione tra le mura del settimo piano di Viale Mazzini. Questo nel giorno in cui il segretario del Pd Dario Franceschini rifiuta l’invito di partecipare alla puntata di Porta a Porta del 23 e parla di “servizio pubblico asservito”. Antonio Di Pietro invita a boicottare il programma in onda stasera e punta il dito contro Vespa e Minzolini “che stanno al giornalismo come la sedia elettrica alla vita umana”. Un attacco personale ai due giornalisti che però viene respinto al mittente dal vertice di Viale Mazzini che esprime la sua solidarietà  al direttore del Tg1 e al conduttore di Porta a Porta, mentre reagiscono anche i diretti interessati. “Eviteremo da questo momento di invitarlo a sedersi sulla ‘sedia elettrica’ della nostra trasmissione. A meno che, naturalmente, non si scusi”, dice Vespa a Di Pietro mentre a Franceschini replica: “motivazioni pretestuose”. Per il direttore del Tg1 Di Pietro “dimostra di essere affetto dalla sindrome del boia”. Intanto sulla puntata di Porta a Porta dedicata al terremoto interviene anche il viceministro Paolo Romani convinto che sia stata una “decisione sacrosanta del vertice Rai e in linea con analoghe scelte editoriali fatte in passato con lo slittamento della messa in onda di trasmissioni per evitare sovrapposizioni negative per i programmi stessi”. Schermaglie violentemente polemiche che rimbalzeranno nella discussione del consiglio di amministrazione di Viale Mazzini che si riunirà  giovedì con all’ordine del giorno un tema caldissimo come la questione dell’informazione della tv pubblica. E’ in primo luogo il presidente Paolo Garimberti a pensare che il Cda è il luogo deputato alla discussione sullo slittamento della puntata di stasera di Ballarò su Raitre per evitare la sovrapposizione con la puntata speciale di Porta a Porta che andrà  in onda su Raiuno. Il presidente infatti in previsione della discussione sul tema che sara? affrontata nella prossima riunione preferisce infatti “non alimentare polemiche con commenti e dichiarazioni pubbliche che porterebbero solo a danneggiare ulteriormente l’immagine della Rai”. La scaletta di un consiglio che si preannuncia piuttosto vivace prevede anche che il direttore generale Mauro Masi dica la sua – come gli è stato chiesto nella scorsa seduta – sullo stop ai contratti di Annozero che, a poco più di una settimana dalla messa in onda, rimane ancora senza spot in onda e con l’incognita al via libera a Marco Travaglio. Ma dopo la bufera causata dallo spostamento della puntata di esordio di Ballarò e la polemica ancora senza soluzione sulla mancata copertura legale di Report sempre su Raitre, è facile immaginare che le questioni da affrontare e da discutere non saranno poche. Tanto più alla luce di un clima generale di denuncia sul tema della libertà  di stampa che culminerà  con la manifestazione di sabato promossa dalla Federazione nazionale della stampa. Del tema si parlerà  del resto anche domani nell’Ufficio di presidenza della Commissione di Vigilanza Rai convocato dal presidente Sergio Zavoli, proprio per discutere di tutto ciò. Mentre della questione del cambio al vertice della rete diretta da Paolo Ruffini, per la quale circola ancora il nome di Gianni Minoli, così come della direzione del Tg3 per la quale i rumors parlano inisistentemente di Enrico Mentana, che rimane sullo sfondo, non si parlerà  prima del Cda della prossima settimana. Intanto anche dei consiglieri Rai oggi l’Italia dei Valori chiede le dimissioni: “L’informazione pubblica è in stato comatoso e la colpa è di chi non ha voluto resistere all’assalto berlusconiano!”, afferma il capogruppo IdV al Senato, Felice Belisario. Convinto che “il presidente e i componenti del CdA dovrebbero avere l’orgoglio di dimettersi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi