MINACCE CONTRO ‘PORTA A PORTA’, DENUNCIATO SESSANTENNE

MINACCE CONTRO ‘PORTA A PORTA’, DENUNCIATO SESSANTENNE
ANCONA
(ANSA) – ANCONA, 16 SET – Un uomo di 60 anni, residente ad Ancona, è stato denunciato dalla Digos per procurato allarme. Ieri pomeriggio aveva fatto una telefonata anonima alla sede ANSA delle Marche minacciando, “a nome delle Br”, che tre ripetitori della Rai sarebbero fatti stati esplodere se la trasmissione di Raiuno ‘Porta a Porta’ fosse andata in onda. La puntata era quella sulla ricostruzione in Abruzzo con il presidente del Consiglio ospite. L’uomo, che non ha precedenti né collegamenti con gruppi eversivi, aveva chiamato dal telefono di casa, e gli investigatori hanno individuato l’utenza telefonica nel giro di poche ore. Accompagnato in questura l’uomo, che è apparso piuttosto spaventato per le conseguenze di quello che ha definito “solo uno scherzo”, ha ammesso subito di essere l’autore della telefonata. “Non pensavo di scatenare tutto questo”, ha detto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari