TV: BANFI, NONNO LIBERO IN PENSIONE, HA FATTO SUO TEMPO/ANSA

SPE:TV
2009-09-16 16:55
TV: BANFI, NONNO LIBERO IN PENSIONE, HA FATTO SUO TEMPO/ANSA
DA DOMENICA SU RAIUNO L’ULTIMA SERIE DEL MEDICO CON BANFI
ROMA
(di Mauretta Capuano). (ANSA) – ROMA, 16 SET – Non riesce più ad occuparsi dei nipoti, è diventato vecchio e vuole tornare alla sua terra: la Puglia. Nonno Libero “va in pensione” nella sesta serie di Un Medico in famiglia, in onda dal 20 settembre nel prime time di Raiuno per tredici puntate che segnano il ritorno, dopo otto anni di assenza, del Dottor Lele Giulio Scarpati. Lo dice Lino Banfi senza rimpianti pur mostrando la sua riconoscenza a “Nonno Libero che mi ha dato tanto”. L’attore sarà  presente in sei delle nuove puntate con alternanze fra l’una e l’altra che alla fine la sua assenza non si sentirà . E poi, in fondo, “Nonno Libero c’é anche quando non c’é” come dice lui stesso salutando i nipoti alla stazione. “Sono passati gli anni – spiega Banfi -. Quando mi hanno proposto la prima serie del Medico avevo 58-59 anni, dovevo fare un nonno giovane che va in motorino. Adesso ne ho 73 di anni e vi giuro che non avrei voluta farla la sesta serie. Poi avevo pensato di farne due puntate ma erano troppo poche, sembrava una presa in giro della gente. Alla fine – continua – ne ho girate sei ma ha fatto il suo tempo Nonno Libero. Ora va in pensione, ha raggiunto il limite d’età . Lascio la palla a mio figlio Lele (Scarpati). Svegliarsi tutte le mattine alle sei per girare fino alle dieci di sera non è una vita facile. Non farò più il Medico ma non è detto che non faccia altre cose con la Publispei di Carlo Bixio, produttore della serie” e poi invita tutti a vederla: “questa è la più bella delle serie del Medico che ho fatto”. La precedente aveva avuto una media del 26-27% di share. Girata in pellicola, con una nuova sigla, il ritorno oltre che di Scarpati, di Guido (Pietro Sermonti) e Maria (Margot Sikabonyi) che è incinta, e anche fra i registi di Tiziana Aristarco, la sesta serie punta al rilancio e al rinnovamento anche con l’ingresso di nuovi attori, fra cui Francesca Cavallin nel ruolo di Bianca, sorella di Giulio (Dighero) e Gabriele Cirilli nei panni di Dante Piccione, inquilino scapestrato dell’appartamento in cui vorrebbero andare a vivere Guido e Maria. Fra gli interpreti anche Rosanna Banfi, Emanuela Grimalda e nuovi piccoli attori. “L’ntento era di un ritorno alle origini. E’ chiaro – dice Bixio – che questa serie chiude un ciclo, questo non vuol dire che non si possa più fare Un medico in famiglia ma deve essere sempre meglio”. Per Scarpati che torna, dopo la separazione da Alice con i due gemelli Elena e Bobò, per il matrimonio, poi naufragato di Ciccio (Michael Cadeddu) il ritorno è stata “una grande emozione. Ho ritrovato gli amici lasciati tanti anni fa. Lele è come sempre un padre affettuoso, giocoso con i figli e a volte rigoroso. Lo ho ritrovato così con dieci anni in più”.Mentre Nonno Libero e nonna Enrica (Milena Vukotic) fanno avanti e indietro fra Roma e la masseria ereditata in Puglia, nascerà  la piccola Paola, figlia di Maria e Guido. Banfi, del quale Mondadori ha appena pubblicato il libro ‘Il Chelcio secondo Oronzo Cana’ , del suo futuro dice: “so che farò delle cose da grande con Raiuno con cui lavoro da vent’anni senza esclusiva. Come mi ha detto in occasione del mio compleanno il signore che ci governa: ‘Lino, tu sei un uomo Rai piu’ che Fininvest’ e mi ha fatto piacere perché è un grande amico. Farò delle cose con Publispei o con altri produttori o con la mia famiglia. Vorrei, in coppia con mia figlia Rosanna, che è più brava di me, rifare i Vigili urbani. E, dopo il film che ho fatto in tedesco, ‘Maria non gli piace’ tutti pensano che io parli bene questa lingua e me ne hanno proposto un altro”.(ANSA).
CA/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi