FESTIVAL DEL DIRITTO DAL 24 SETTEMBRE A PIACENZA

FESTIVAL DEL DIRITTO DAL 24 SETTEMBRE A PIACENZA
(AGI) – Piacenza, 16 set. – Si può tracciare un confine netto tra pubblico e privato? Come si stabilisce che cosa debba restare nella sfera riservata e cosa, invece, debba essere trasparente, conoscibile e controllabile da tutti? Oggi i confini, una volta così netti, tra ciò che è “pubblico” e ciò che è “privato” si sono fatti confusi, porosi, opachi, rendendo talvolta indistinguibile o ambivalente questa dicotomia concettuale. Le forme attuali della cosiddetta globalizzazione hanno liberato risorse economiche e sociali, ma anche aperto problemi difficili da affrontare con gli strumenti classici del diritto “pubblico” e tuttavia ineludibili. Allo stato attuale la distinzione “pubblico/privato” deve essere profondamente ripensata alla ricerca di un punto di equilibrio tra interessi generali e particolari, ragioni della comunità  e progetti di vita individuali. La ricerca di quel punto di equilibrio vedrà  impegnati giuristi, filosofi, sociologi, teologi, economisti, manager, architetti, giornalisti ed esperti della comunicazione a Piacenza dal 24 al 27 settembre durante la seconda edizione del “Festival del Diritto”. Dai beni comuni alle privatizzazioni, dalla tutela dell’interesse generale alle nuove forme del potere, dalle banche alla formazione, dalla televisione alla sanità , alla religione. Sotto il segno della dicotomia pubblico/privato interverranno autorevoli personalità  del dibattito, giuridico, economico e culturale italiano ed internazionale. L’elenco completo degli appuntamenti su www.festivaldeldiritto.it. Solo per citare alcuni nomi: da Carlo Azeglio Ciampi, presente con una videointervista in esclusiva per il festival a Carlo Casalone, padre provinciale dei gesuiti italiani. Da Giuliano Amato a Luigi Spaventa. Da Paolo Garimberti, presidente Rai ai direttori Ferruccio De Bortoli e Mario Calabresi. Da Carlo Freccero a Massimiliano Fuksas. Da Francesco Greco, magistrato da anni impegnato nella lotta alla corruzione in Italia a Carlo Galli acuto editorialista e tra i più autorevoli storici del pensiero politico. Da Tullio De Mauro a Guido Rossi giurista tra i massimi protagonisti delle vicende economico finanziarie italiane. Da Guido Alpa presidente del Consiglio Nazionale Forense a Maurizio Fioravanti tra i più autorevoli storici delle Costituzioni, che, introdotto da Stefano Rodotà , aprirà  il Festival con la lectio Pubblico e privato: i principi della Costituzione. Non mancheranno gli ospiti internazionali per citarne solo alcuni: Erhard Denninger tra i più prestigiosi costituzionalisti tedeschi o Guido Calabresi, autorevolissimo giurista e giudice americano tra i fondatori dell’analisi economica del diritto. E inoltre tornano i Forum dove esperti, esponenti della vita economica, politica e istituzionale, voci qualificate dell’opinione pubblica, dibattono liberamente problemi controversi del presente. Fuori programma sabato pomeriggio alle 16.30 il forum sull’ultima enciclica di Papa Benedetto XVI, Caritas in veritate, discussa alla luce della dicotomia pubblico/privato, tema conduttore del Festival.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi