Apc-Informazione/Count-down per manifestazione,Fnsi chiede direttaRai

Apc-Informazione/Count-down per manifestazione,Fnsi chiede direttaRai

Franceschini: Prova di libertà .Bersani: Nessuno ci metta cappello

Roma, 16 set. (Apcom) – Senza bandiere o slogan di partito, ma con tanto spirito di opposizione: la manifestazione di sabato per la libertà  di stampa promossa dalla Fnsi, il sindacato dei giornalisti, avrà  inevitabilmente toni molto critici nei confronti del Governo e del presidente del Consiglio, che ieri a Porta a Porta ha rincarato la dose contro i giornalisti “farabutti”. La Fnsi protesta e chiede alla Rai di riparare il danno fatto. E dopo mesi di scontri politici sull’informazione e dopo lo spostamento di Ballarò per far posto al Porta a Porta sull’Abruzzo con Silvio Berlusconi, oggi lo stesso Dario Franceschini, leader del principale partito di opposizione, ha sottolineato con calore il valore dell’appuntamento: “Mi pare che sia una gran bella prova di libertà , soprattutto senza colore, perchè quando si tratta di difendere la libertà  di informazione non contano i gruppi editoriali, i colori dei partiti, ma andare a difendere una libertà  essenziale per il nostro Paese”. Il suo rivale nella corsa alla segreteria del Pd, Pier Luigi Bersani, ha garantito la sua presenza, chiedendo però che “nessuno metta il cappello sulla manifestazione”.

‘Informazione, no al guinzaglio. Diritto di sapere, dovere di informare’: su questo slogan, la Fnsi, che aveva iniziato a mobilitarsi fin dall’inizio del percorso parlamentare della legge sulle intercettazioni, definita ‘legge bavaglio’, ha raccolto centinaia di adesioni di singoli e di associazioni e il discreto sostegno di una parte del mondo dell’informazione e Domani l’iniziativa verrà  presentata in una conferenza stampa a Roma. Ma ha già  fatto il pieno delle adesioni, e fra queste quelle utili a richiamare in piazza il ‘popolo di sinistra’ e quello cattolico progressista come la Cgil nazionale, l’Arci, la Fiom Cgil, lo Spi Cgil, l’Auser, l’Associazione partigiani, il Comitato insegnanti precari, la Rete degli studenti, l’Unione degli studenti, le Acli, le comunità  cristiane di base, il movimento Noi siamo Chiesa, il giornale di Pax Christi Mosaico di pace, intere redazioni giornalistiche e Comitati di redazione, intellettuali e personalità  della cultura e dell’informazione, uno per tutti Michele Santoro che proprio in questi giorni è impegnato in un braccio di ferro con la Rai sulla mancata conferma (finora) dei contratti per Marco Travaglio e le troupes della sua trasmissione Annpozero. Poi ovviamente i partiti: Rifondazione, l’Idv, il Pd ci saranno, rispettando la discrezione richiesta dagli organizzatori (niente bandiere) ma con i leader a caccia di telecamere per esternare il loro pensiero.

La Federazione della Stampa ha rilanciato oggi l’allarme per la minaccia sulla libertà  di stampa, commentando in una nota le parole di Berlusconi. “Ieri sera, in una delle pagine più vergognose di quello che si fa sempre più fatica a chiamare servizio pubblico, è stato consentito al presidente del Consiglio di insultare in modo indiscriminato i giornalisti italiani, della carta stampata e della televisione. La Fnsi chiede al vertice Rai dove e come verrà  garantito, nelle prossime ore, il diritto di replica ai ‘troppi farabutti'”. Il sindacato dei giornalisti chiede quindi “se la Rai intenda almeno coprire con la diretta la manifestazione di sabato prossimo in piazza del Popolo, nata da un allarme che dal ‘Porta a Porta’ di ieri sera ha ricevuto la più preoccupante delle conferme”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari