INFORMATICA: EIU, ITALIA 24ESIMA MONDO PER COMPETITIVITA’

INFORMATICA: EIU, ITALIA 24ESIMA MONDO PER COMPETITIVITA’
MILANO
(ANSA) – MILANO, 16 SET – L’Italia occupa il 24esimo posto a livello mondiale nell’indice di competitività  del settore It (Information technology). E’ quanto risulta dallo studio curato dall’Economist intelligence unit (Eiu) del gruppo The Economist, e sponsorizzato da Business software alliance (Bsa), organizzazione internazionale che rappresenta i grandi gruppi del settore. Il Belpaese, secondo il rapporto che considera 66 nazioni, sale di una sola posizione rispetto al 2008. La classifica delle economie che offrono all’IT un ambiente più favorevole allo sviluppo e all’innovazione informatica, è guidata dagli Stati Uniti, seguita da Finlandia, Svezia, Canada e Olanda. A penalizzare l’Italia, anche nella terza edizione dello studio, è ancora una volta il parametro che riguarda proprio l’ambiente della ricerca e lo sviluppo. Secondo i dati di Eiu, in questo parametro, l’Italia ha ottenuto solo 16,4 punti su 100, contro i 61,3 punti degli Usa. Il nostro paese va bene invece per dinamismo dell’ambiente economico (72,7 su 100), sistema giuridico (73), disponibilità  di infrastrutture It (52,5) e per i supporti allo sviluppo dell’It (64,2). ” Da noi – commenta Luca Marinelli, presidente di Business software alliance in Italia – c’é ancora molto da investire nelle infrastrutture, nello sviluppo di risorse umane ad alta specializzazione e nella ricerca sulla tecnologia”. Denis McCauley, direttore della ricerche in campo tecnologico di Eiu, ritiene che ‘a livello globale, il settore e’ uscito abbastanza bene dalla crisi, nonostante una diffusa riduzione negli investimenti in It da parte delle aziende”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)