Apc-Mediaset/ Sconcertante ricorso in giudizio Sky, accuse infondate Per presunta violazione norme antitrust

Apc-Mediaset/ Sconcertante ricorso in giudizio Sky, accuse infondate Per presunta violazione norme antitrust

Milano, 16 set. (Apcom) – Mediaset reputa sconcertante l`annuncio di Sky di voler ricorrere in giudizio per la presunta violazione delle regole sulla concorrenza. E’ la risposta di Mediaset all’annuncio di Sky di avere avviato una causa per violazione delle normative europee antitrust per un presunto rifiuto del gruppo del Biscione di vendere a Sky spazi pubblicitari su Canale 5, Italia 1 e Rete 4.

Stupisce infatti, si legge nella nota Mediaset, che un operatore che nel mercato della pay tv satellitare è monopolista assoluto avvii un`azione legale contro un`altra azienda televisiva accusandola di violazione delle norme antitrust. Per la cronaca, nel solo anno 2009 (1° gennaio-5 settembre) Mediaset ha già  ospitato 3.107 passaggi di spot Sky sulle proprie reti. Per contro Sky, prosegue il comunicato, ha sempre rifiutato di trasmettere sui propri canali qualsiasi spot di Mediaset.
Mediaset, conclude la nota, respinge quindi le accuse infondate del concorrente e certa delle proprie buone ragioni attende con serenità  il confronto nelle sedi giudiziarie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi