da vice direttore comunicazione Mediaset a condirettore di ‘Studio Aperto’

 “Durante i due anni di esperienza aziendale ho potuto approfondire al meglio alcuni aspetti davvero interessanti sulla struttura e il funzionamento di un gruppo importante come Mediaset, ma al giornalista piace fare il giornalista e quando mi hanno offerto la possibilità  di fare il condirettore della testata dove sono nato e cresciuto non potevo che accettare”.
Giovanni Toti ritorna così a Studio Aperto come condirettore, chiamato accanto a sé da Mario Giordano, anche lui rientrato alla guida del telegiornale di Italia 1 dopo un biennio al timone del Giornale. E Toti dovrà  supportare Giordano, che abbina la direzione del  tg a quella delle Nuove iniziative news, nuova area dipendente dalla direzione generale news di Mauro Crippa, che dovrà  sviluppare o riformare prodotti in linea con un editore sempre più multicanale come Mediaset.
“Studio Aperto era già  solido e la direzione di Mulè l’ha ulteriormente rafforzato con un’edizione delle 12,25 con oltre 3 milioni di spettatori”, afferma Toti. “Il tg delle 18,30, un orario strano in cui però si attira molto pubblico giovane, deve ora fare anche i conti con uno spazio di grande successo come ‘Pomeriggio 5’. Comunque, il prodotto Studio Aperto non è sostanzialmente cambiato”.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 398, Settembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro