da ex direttore dell”Unità ‘ a direttore del ‘Fatto Quotidiano’

A fine carriera – lo dice lui – ha voluto togliersi lo sfizio di mettere in piedi il giornale impossibile: senza padroni, senza finanziamenti pubblici e libero di menare fendenti a destra e a manca: “Ovvero libero di fare solo e soltanto giornalismo”. Il tempo dirà  se la scommessa di Antonio Padellaro avrà  fiato, gambe e lettori. Però l’esordio del Fatto Quotidiano promette bene: circa 30mila abbonamenti raccolti e pagati ancor prima dell’uscita in edicola, programmata per il 23 settembre. Il vascello corsaro che Padellaro – romano, 63 anni – ha montato in un anno coinvolgendo Marco Travaglio, Peter Gomez e un manipolo di firme insofferenti alle briglie dei giornali dove lavoravano, è l’ultimo capitolo professionale di una storia iniziata negli anni Sessanta, quando il giovanissimo Antonio viene spedito dal padre alla redazione dell’Ansa, raccomandato a Sergio Lepri per toglierlo dagli ozi post liceali. “Ero un perdigiorno che amava moltissimo la musica, per mio padre ero un incubo”, ricorda. All’Ansa Padellaro entra nel ’67, diventa professionista nel ’68 e rimane fino al ’71 quando viene chiamato al Corriere della Sera. Al Corriere segue politica e cronaca parlamentare, diventa inviato, conquista la delicatissima poltrona di capo della redazione romana.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 398, Settembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A giugno gli Autogol salgono al secondo posto tra Ferragni e Fedez

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A giugno gli Autogol salgono al secondo posto tra Ferragni e Fedez

Ricardo Franco Levi rieletto all’unanimità alla presidenza Aie. Eletti anche 4 vicepresidenti: Messina, Tartaglino, Guida, Tarò

Ricardo Franco Levi rieletto all’unanimità alla presidenza Aie. Eletti anche 4 vicepresidenti: Messina, Tartaglino, Guida, Tarò

Sotto la lente Ue anche l’indipendenza dei media italiani. Preoccupano attacchi a giornalisti e riduzioni nelle redazioni

Sotto la lente Ue anche l’indipendenza dei media italiani. Preoccupano attacchi a giornalisti e riduzioni nelle redazioni