da caporedattore a direttore dell”Ordine’ di Como

Il gran giro di giostra dei direttori nei quotidiani del centrodestra fa sì che Alessandro Sallusti debba impegnarsi a tempo pieno al Giornale accanto a Vittorio Feltri, e quindi porta Mauro Migliavada dalla poltrona di caporedattore a quella di direttore dell’Ordine, il mini quotidiano (quattro redattori, otto pagine, sei uscite settimanali) che da circa un anno prova a fare nel Comasco quello che Il Foglio fa a livello nazionale: dare notizie ma soprattutto commenti, idee, punti di vista, inchieste.
Comasco, 38 anni, professionista dal 2001, Migliavada è stato promosso sul campo per decisione dello stesso Sallusti, già  direttore della Provincia di Como e di Libero, che l’anno scorso aveva rilevato L’Ordine dalla Curia di Como, lo aveva riportato in edicola e fino al 21 agosto lo aveva anche firmato come direttore responsabile. Questo anche se Sallusti non abbandonerà  a se stessa la sua creatura, essendosi ritagliato il nuovo ruolo di direttore editoriale.
Ovvio quindi che la linea editoriale resti quella già  tracciata da Sallusti. Migliavada annuncia solo “piccoli aggiustamenti che derivano soprattutto dall’esperienza di quest’anno; e cioè, articoli un po’ più corti, piccole modifiche grafiche”.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 398, Settembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro