da direttore di ‘Libero’ a direttore del ‘Giornale’

Ha anticipato di quattro giorni rispetto alla data prevista il suo ingresso al Giornale, ed è tornato il 21 agosto in Via Negri nella posizione che fu di Indro Montanelli ma anche la sua fra il ’94 e il ’97. E da quel momento ha cominciato a muoversi con tale fragore e a menare tali sciabolate – mettendo in imbarazzo con il caso Boffo perfino il Papa – che scriverne nel ‘borsino’ non serve certo a dare la notizia della sua nomina, ma a riepilogarne la vicenda professionale.
Vittorio Feltri è nato a Bergamo il 25 giugno 1943, e ha quindi appena compiuto 66 anni. Comincia a 19 anni scrivendo di cinema per L’Eco di Bergamo finché nel ’69 viene assunto in quella scuola per cronisti che è La Notte di Nino Nutrizio, prima nella redazione di Bergamo, poi nel ’73 a Milano. Nel ’74 va al Corriere d’Informazione, che era poi l’edizione del pomeriggio del Corsera, quotidiano dove passa nel ’77.
Sono i tempi di Piero Ottone, e Feltri entra nella redazione politica, e quindi diventa caposervizio interni. Anni belli, che si concludono con l’arrivo alla direzione del Corriere di Alberto Cavallari. Con Feltri è guerra, ai ferri cortissimi. E nell’83 Feltri abbozza, e se ne va a Bergamo, a dirigere Bergamo Oggi, concorrente della testata che lo vide fanciullo. È un anno d’esilio e di esperienza che finisce quando al Corriere arriva Piero Ostellino, che lo riprende in Via Solferino come inviato, e lì Feltri resta finché nell’89 non gli viene affidata la direzione dell’Europeo.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 398, Settembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro