da direttore ed editore associato di ‘Italia Oggi’ a vice direttore di ‘Libero’

A fine luglio, il nome di Bechis era circolato per la vice direzione del Tg1 diretto da Augusto Minzolini. Poi non devono aver capito bene in che quota collocarlo, e il fatto che sia autore di un saggio intitolato ‘RubeRai – Quarant’anni di sprechi e scandali della Tv di Stato’ non deve avere aiutato. E la faccenda è tramontata. Ma nel tourbillon delle nomine nei giornali del centrodestra una vice direzione è spuntata davvero, ed è quella di Libero.
Torinese, 47 anni compiuti il 25 luglio, sposato, tre figli, pochi hobby (ma la ricerca dei funghi sì), laureato in filosofia a Torino con una tesi in filosofia della religione, cattolico è e cattolico è rimasto – già  da fine liceo vicino a Comunione e liberazione, mentre politicamente oggi si definisce liberal-sociale – e comincia nelle radio e nelle tivù torinesi dei salesiani. Conosce poi l’universo missionario editoriale degli scalabriniani, e con loro fa esperienza sia a New York presso il mensile L’italiano, sia in Italia fornendo contenuti per le testate all’estero. Intanto collabora con il Sabato, e durante il militare è addetto stampa degli alpini.
Nell’86 la svolta, con una borsa di studio a Mondo Economico dove riceve l’imprinting di giornalista economico finanziario. È quindi assunto al Sabato come praticante (diventerà  professionista nel ’90) proprio per l’economia e comincia a collaborare con Italia Oggi. Direttore è allora Pierluigi Magnaschi, che nell’89 lo assume a Mf. Nel ’90 viene spedito nella redazione romana del gruppo Class: sono tempi di inchieste roventi e dell’amicizia con Augusto Minzolini, con cui divide pane, notizie e stile nella raccolta delle notizie.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 398, Settembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Si dimette il presidente dell’Enea Federico Testa. Lettera al ministro Cingolani, impedimento per motivi personali

Si dimette il presidente dell’Enea Federico Testa. Lettera al ministro Cingolani, impedimento per motivi personali

Battuta d’arresto per l’editoria per ragazzi, vendite a -1,3% nel 2020. Levi (Aie): Cresce il nostro impegno a favore del settore

Battuta d’arresto per l’editoria per ragazzi, vendite a -1,3% nel 2020. Levi (Aie): Cresce il nostro impegno a favore del settore

TOP GIORNALISTI più attivi sui social a maggio. Scanzi ancora davanti a tutti, Tosa e Mentana sul podio

TOP GIORNALISTI più attivi sui social a maggio. Scanzi ancora davanti a tutti, Tosa e Mentana sul podio