MODA: SARA’ ONLINE DAL 2010 IL PORTALE DEL FASHION ITALIANO

SPE:MODA
2009-09-21 16:04
MODA: SARA’ ONLINE DAL 2010 IL PORTALE DEL FASHION ITALIANO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 21 SET – La memoria storica della moda italiana sbarca sul web. Sarà  online entro il prossimo giugno il Portale Moda Italiana, il sito internet voluto dal Comune di Milano che porterà  in Rete documenti, video e immagini della storia fashion italiano, diventando un punto di riferimento per i creativi e gli addetti ai lavori. Il sito è stato presentato oggi alla stampa e ai professionisti del settore, cui sono state mostrate in anteprima alcune schermate. Il portale è diviso in tre sezioni: una Rete Storica, con le fonti e i documenti, una Rete Real Time, in cui verranno inseriti gli operatori del settore (stilisti, fotografi, videomaker, truccatori, rivenditori, ecc.), tutti individuabili su mappe interattive, e una Rete Trend, con una community per consentire ai giovani stilisti di presentare al pubblico i propri lavori e la possibilità  di ottenere un’analisi delle tendenze internazionali presenti sul web. Sono previsti accessi differenziati per il pubblico, gli specialisti, i turisti internazionali e gli studenti. I documenti messi a disposizione da case di moda, editori, fotografi, fondazioni, biblioteche sono oltre 10 milioni: tutti verranno digitalizzati e messi in Rete. Ad oggi sono stati presi in considerazione oltre 1500 fonti e 5000 archivi pubblici e privati. All’iniziativa hanno aderito alcune delle firme più note del fashion nostrano, come Ferré, Versace, Basile, Curiel, le quali hanno messo a disposizione il loro patrimonio di fotografie, cataloghi, modelli. A questi si aggiungeranno altri nomi, con cui sono già  state avviate trattative. “Il Portale della Moda consente di tramandare la creatività  nel tempo, trasmettendo quest’immenso patrimonio culturale alle generazioni future” ha spiegato Luigi Rossi Bernardi, assessore alla Ricerca e all’Innovazione del Comune di Milano. “Allo stesso tempo è anche una sfida per la ricerca e la tecnologia, perché la mole di materiale da ritrovare, catalogare ed archiviare è enorme”. Rossi Bernanrdi ha precisato che sul progetto, finanziato in parte dal Comune, in parte con contributo delle case di moda, è stato investito un milione di euro. Il portale entrerà  a far parte del Fashion Institute of Milan, il centro di alta specializzazione che sorgerà  nell’Area Garibaldi – Repubblica, e verrà  gestito dalla Camera Nazionale della Moda. (ANSA).
YN0-GIA/ S42 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)