Apc-Cei/ ‘Giornale’: Bagnasco snobba gossip. ‘Avvenire’: Chiesa amica

Condividi

Apc-Cei/ ‘Giornale’: Bagnasco snobba gossip. ‘Avvenire’: Chiesa amica

Il quotidiano di Feltri: “Non ha rinnovato solidarietà  a Boffo”

Roma, 22 set. (Apcom) – I due contendenti appaiono d’accordo. Il ‘Giornale’ e l”Avvenire’, protagonisti della battaglia agostana attorno a Dino Boffo – il direttore del quotidiano della Cei che si è dimesso in seguito agli attacchi del giornale di Feltri – non si discostano sensibilmente nella valutazione del discorso pronunciato ieri dal cardinale Angelo Bagnasco.

Differenze di accenti non mancano. Ma per il ‘Giornale’ “Bagnasco snobba il gossip: giudicare il governo sui fatti”. Per il quotidiano di proprietà  di Paolo Berlusconi, “il capo dei vescovi delude l’opposizione e non attacca l’esecutivo”. Poi una citazione di Bagnasco: “La Chiesa resta amica delle istituzioni anche quando critica”. Da qui parte ‘Avvenire’, il cui titolo di prima pagina è “Una Chiesa sempre amica”. (Analogo, peraltro, l”Osservatore romano uscito ieri pomeriggio con data odierna: “Una Chiesa amica annuncia la verità “). Il giornale dei vescovi sottolinea che il presidente della Cei ha messo in evidenza “la dignità  del paese e il suo malessere, i doveri della politica e quelli di chi assume un mandato politico” ed ha affrontato i temi etici “fuori da ogni logica mercantile”.

Bagnasco, ieri, non ha mai citato esplicitamente il nome di Dino Boffo, e il ‘Giornale’ oggi scrive: “Il cardianle non ha rinnovato solidarietà  a Dino Boffo”. ‘Avvenire’ ricorda il suo ex direttore, nell’editoriale affidato a Francesco D’Agostino, in questi termini: “Questa vicenda deve essere primariamente interpretata nella logica del ‘per crucem ad lucem’, incontrovertibile regola della vita cristiana e unica fonte di consolazione per chiunque sia colpito da un profondo – e immeritato – dolore. E’ l`ennesima prova che, quanto più i cristiani operano come luce e sale della terra, tanto più diventano ‘segno di contraddizione’. Meditiamo tutti su questo punto”.