TV: DIGITALE; DGTVI, IN PIEMONTE DTT NELL’80% DELLE CASE SWITCH OFF AL VIA GIOVEDI’, IL 7 OTTOBRE A TORINO E CUNEO

TV: DIGITALE; DGTVI, IN PIEMONTE DTT NELL’80% DELLE CASE
SWITCH OFF AL VIA GIOVEDI’, IL 7 OTTOBRE A TORINO E CUNEO
TORINO
(ANSA) – TORINO, 22 SET – L’80% delle famiglie piemontesi ha in casa un decoder per ricevere la tv digitale terrestre: è la fotografia scattata da DGTVi – l’associazione dei broadcaster che offrono servizi gratuiti sulla piattaforma Dtt (Rai, Mediaset, Telecom Italia Media, Frt, Dfree, Aeranti-Corallo) – alla vigilia dello switch off (lo spegnimento definitivo della tv analogica), che scatterà  nel Piemonte occidentale tra il 24 settembre e il 9 ottobre. “A poche ore dall’avvio delle operazioni di passaggio definitivo al digitale terrestre del Piemonte Occidentale e a conclusione dello switch over della Valle d’Aosta – dice Andrea Ambrogetti, presidente di DGTVi – solo una famiglia su dieci nella regione riceve la televisione ancora in analogico. E il digitale terrestre è ormai presente nell’80% delle famiglie: negli ultimi quattro mesi è raddoppiata la presenza dei decoder nelle case dei piemontesi. Anche se il livello di informazione é elevatissimo (il 96% dei cittadini piemontesi è a conoscenza del passaggio e delle date correlate), si tratta in questi giorni di incrementare ancor di più l’attività  di comunicazione sui contributi ancora disponibili e sulla necessità  di risintonizzare gli apparecchi televisivi. In quindici giorni saranno convertiti più di 1.400 impianti televisivi e saranno coinvolti oltre 900 Comuni e quasi 3 milioni di cittadini, con il 7 ottobre che sarà  il giorno culminante per il passaggio delle città  di Torino e Cuneo. La collaborazione delle emittenti e della Regione, insieme all’attività  svolta dal ministero, sarà  fondamentale per raggiungere questo ambizioso obiettivo”.Per conoscere la data esatta di spegnimento del segnale nel proprio Comune, sarà  disponibile sul sito del ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per le Comunicazioni (www.decoder.comunicazioni.it) un apposito motore di ricerca. In alternativa, si può chiamare il numero verde 800.022.000, attivo dal lunedì al sabato, festivi esclusi, dalle 8 alle 20.Sono ancora disponibili i contributi all’acquisto del decoder di tipo interattivo, istituiti dal ministero, per agevolare le fasce deboli per età  e reddito: per usufruire dello sconto di 50 euro basta presentarsi dai rivenditori autorizzati, che lo applicheranno direttamente a chi risieda in uno dei Comuni coinvolti dallo switch off, abbia almeno 65 anni e un reddito non superiore ai 10 mila euro e sia in regola con il pagamento del canone Rai. Ulteriori informazioni su contributi e modalità  di fruizione sono sul sito www.decoder.comunicazioni.it o al numero verde 800-022-000.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi