RAI: SI RIORGANIZZA OFFERTA TEMATICA, ALLO STUDIO RAI 5 E 6

POL:RAI
2009-09-22 15:23
RAI: SI RIORGANIZZA OFFERTA TEMATICA, ALLO STUDIO RAI 5 E 6
LEONE, IL PROGETTO ENTRO FINE ANNO IN CDA
TORINO
(ANSA) – TORINO, 22 SET – La Rai lavora alla “riorganizzazione dell’offerta tematica”: le vicedirezioni generali che fanno capo a Giancarlo Leone e Antonio Marano stanno mettendo a punto un progetto che “entro fine anno sarà  presentato dal direttore generale in cda”: lo ha annunciato oggi lo stesso Leone, a margine del Prix Italia a Torino, spiegando che tra le ipotesi allo studio ci sono anche due nuovi canali, “Rai 5 e Rai 6”, che potrebbero prendere il posto di due reti già  presenti nel bouquet (forse Raisat Extra e Premium). “Rai 5 potrebbe essere un canale di intrattenimento o dedicato all’audiovisivo italiano e europeo”, ha spiegato Leone, ribadendo che al momento si tratta “solo di ipotesi”. Dell’attuale offerta tematica – Rai 4, Rai News 24, Rai Sport Più, Rai Gulp, Rai Storia, più i quattro canali di Rai Sat ‘scesi’ da Sky (Cinema YoYo, Extra e Premium) e Rai Scuola (l’ex Rai Edu 1) – “alcuni canali saranno confermati, altri potrebbero invece cambiare”. Non si esclude che possa nascere anche un altro canale sportivo: “I diritti degli altri sport, diversi dal calcio, che la Rai possiede, potrebbe giustificare una simile scelta”, ha detto Leone. Nel complesso, comunque, non si supererà  il numero delle 12-13 reti tematiche, “sia per rispettare il limite del 20% dei canali digitali imposto dalla legge, sia per motivi di budget”. In più, la Rai punta a realizzare “un canale in alta definizione”. A Viale Mazzini, intanto, sono “molto soddisfatti” dei risultati raggiunti in Sardegna, prima area ‘all digital’, con un’offerta basata sul mix tra reti generaliste e tematiche, tutte gratuite: “Ad agosto – ha spiegato Leone – la Rai in generale viaggiava nell’intera giornata sul 41% di share, due punti in più rispetto al resto d’Italia, con un 33-34% concentrato sull’offerta generalista e circa l’8% sugli altri canali. Quanto ai canali di Rai Sat che sono usciti dall’offerta Sky, da soli in Sardegna raggiungono già  il 2%, con buone performance in particolare per Cinema e YoYo. In base al piano presentato dal direttore generale Masi in cda, il 2% era l’obiettivo da raggiungere nel giro di due anni. Dalla Sardegna arriva dunque un segnale interessante: stiamo evidentemente colmando un’offerta che non c’era”. (ANSA).
MAJ/ S0A S56 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi