RAI: ANNOZERO; ANCORA UNA VOLTA CASO POLITICO

RAI: ANNOZERO; ANCORA UNA VOLTA CASO POLITICO/ANSA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 22 SET – Michele Santoro vorrebbe politica e partiti fuori dalla Rai, ma ancora una volta lui stesso insieme alla presenza di Marco Travaglio ad Annozero, diventa un caso politico. Nel giorno della ‘resa dei conti’ fra il giornalista e il direttore di Raidue Massimo Liofredi, andata in scena durante la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione di Annozero, i partiti dicono la loro sul giornalismo praticato da Santoro e da Travaglio. Entrambi – secondo il portavoce del Pdl Daniele Capezzone – cercano l’incidente con la Rai alla ripresa di Annozero. Sempre Capezzone offre la propria solidarietà  al dg Mauro Masi e a Liofredi “per la sequenza di avvertimenti e aggressioni verbali di cui sono stati e continuano ad essere oggetto”.Paolo Romani, responsabile delle Comunicazioni, boccia il “giornalismo militante” di Travaglio. Giorgio Lainati (Pdl), vice presidente della commissione di Vigilanza, dice: “Da tempo, l’ex eurodeputato diessino, Michele Santoro, agisce indisturbato non come un dipendente del servizio pubblico radiotelevisivo bensì come se fosse lui il proprietario di Raidue”.”Certo che giovedì andrà  in onda Annozero e certo che ci sarà  anche Travaglio. Come cittadino lo voglio e me lo aspetto”. Il leader dell’Idv Antonio Di Pietro esprime questa certezza e aggiunge:”Conosco bene sia Santoro, sia Travaglio e so che giovedì andranno in onda regolarmente. Perché se necessario sarebbero pronti anche a fare un collegamento telefonico da una cantina…”. L’ex ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni (Pd) affronta il tema che riguarda il pronunciamento dell’Agcom: “‘Le delibere di Agcom non sono un precedente per condannare preventivamente una trasmissione tv. Per questo, il tentativo del dg Masi di cercare dal presidente Calabro’ un alibi per la cancellazione di Annozero è destinato a concludersi con un nulla di fatto. Una nuova figuraccia dopo quella di Porta a Porta”.Annozero – dice Giorgio Merlo (Pd), vicepresidente della commissione di Vigilanza – “deve andare in onda a garanzia e a conferma del pluralismo del servizio pubblico, al di là  e al di fuori dei contratti da stipulare e delle varie, e necessarie, verifiche dei vertici aziendali”. Lo sostiene il parlamentare Pd Giorgio Merlo, vicepresidente della commissione di vigilanza Rai. Solidarietà  a Santoro e Travaglio arriva infine dal Pdci.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi