GIORNALISTI: PREMI DEDICATI A SIANI IN ANNIVERSARIO MORTE

GIORNALISTI: PREMI DEDICATI A SIANI IN ANNIVERSARIO MORTE
(AGI) – Napoli, 23 sett. – Premiare il fumetto per avvicinare di piu’ i giovani a un tema e a una figura, quella di Giancarlo Siani, cronista de Il Mattino, ucciso dalla camorra 24 anni fa. Proprio a un fumetto, infatti, “Don Peppe Diana, Per amore del mio popolo”, di Raffaele Luppoli e Francesco Gattucci, e’ stato attribuito un riconoscimento nell’ambito del premio giornalistico dedicato al cronista napoletano scomparso il 23 settembre 1985. Ex aequo per gli autori di “Peppino Impastato, un giullare contro la mafia”. La cerimonia di premiazione si e’ svolta nella sala “Siani” del quotidiano partenopeo Il Mattino, alla presenza del direttore Virman Cusenza, del presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, del presidente dell’Associazione napoletana della stampa Enzo Colimoro e del fratello di Giancarlo, Paolo. Giunto alla sesta edizione, con l’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica, il premio quest’anno e’ stato attribuito a Vittorio Mete per il libro “Amministrazioni locali sciolte per infiltrazioni mafiose”, e ad Alberto Spampinato, fratello di Giovanni, cronista de L’Ora di Palermo ucciso dalla mafia nel 1972, con “C’erano bei cani ma molto seri”. Esmeralda Calabresi, Peppe Ruggiero e Andrea Ambrosio sono stati premiati per il film documentario “Biutiful Cauntri”, mentre Libero Di Rienzo, protagonista del film “Fortapasc”, ha ricevuto il riconoscimento della giuria per aver saputo interpretare non solo una sceneggiatura ma anche i tratti caratteriali del giovane cronista.

GIORNALISTI: PREMI DEDICATI A SIANI IN ANNIVERSARIO MORTE (2)
(AGI) – Napoli, 23 set. – “Siamo in grado di raccogliere la sua eredita’? – si e’ chiesto Cusenza – Perche’ la morte di Giancarlo e’ stata una ferita per un’intera generazione”. Il presidente della Regione, Antonio Bassolino ricorda che a Torre Annunziata “abbiamo avuto per anni amministrazioni che negavano persino l’esistenza della camorra. Proprio mentre un giovane giornalista la combatteva con la forza della parola”. La figura di Giancarlo Siani e’ stata ricordata anche dalla giunta comunale di Napoli con la deposizione di una corona d’alloro nel quartiere Vomero, in via Suarez, dove c’e’ una lapide. Il sindaco Rosa Russo Iervolino ha sottolineato l’impegno di Siani alla presenza del fratello e di don Luigi Ciotti. In un parallelo tra stragi di terrorismo e stragi di camorra, il sindaco dice: “Allora la nazione reagi’ compatta di fronte alla spettacolarita’ degli attentati terroristici e questo condusse alla vittoria dello Stato. Nei confronti della criminalita’ organizzata il livello di guardia non era cosi’ alto. Se ci fossero stati tanti Siani in giro per l’Italia, saremmo riusciti a vincere anche questa battaglia”. Don Ciotti lancia una provocazione: “L’informazione ha un ruolo cruciale per il cammino dei diritti. Alcuni segnali creano inquietudine”. “Vogliamo ricordare tutte le vittime di mafia e camorra perche’ si crei una nuova consapevolezza – aggiunge Paolo Siani – e’ importante coltivare la memoria. E’ sulla consapevolezza che bisogna investire”. “Molti giornali cercano lo scoop e la superficialita’ – conclude Iervolino – io sono molto rispettosa della stampa, ma nel caravanserraglio delle notizie delle escort e delle veline, purtroppo Giancarlo Siani ha poco spazio”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo