Rai/ Zavoli:serve codice per pluralismo, era meglio lottizzazione

Apc-Rai/ Zavoli:serve codice per pluralismo, era meglio lottizzazione

 

 

 

A Masi: sa di essere sospettato di voler normalizzare Rai?

Roma, 23 set. (Apcom) – Poco pluralismo, bassa qualità  dei programmi. Due punti su cui in Rai bisognerebbe riflettere e lavorare, secondo il Presidente della Commissione di Vigilanza, Sergio Zavoli, che al termine dell’audizione del Dg Mauro Masi ha chiesto allo stesso se sia “di essere al centro da più parti del sospetto di voler normalizzare la Rai”.

Chiudendo la seduta di oggi Zavoli ha posto domande relative al rinvio sulle nomine della terza rete, ma anche alla qualità  dei programmi Rai, questione che appare “marginale e accessoria”, ma che tale non è. E poi il pluralismo, difeso di più negli anni passati, quelli della lottizzazione che, ha detto Zavoli al termine dei lavori, “aveva una sua realistica necessità  e ha prodotto più pluralismo che in questi giorni”. Per il Presidente della Vigilanza servirebbe “un codice” per il pluralismo, che renda anche più chiare le “trasgressioni”. Una domanda Zavoli l’ha posta anche sulla figura di Masi in azienda, per sapere se il Dg sia “consapevole e quale sia il ruolo dello stesso Direttore generale, quali “i rapporti tra i conduttori dei programmi e i direttori di rete”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi