RAI: VAN STRATEN, VOGLIONO NORMALIZZARE AZIENDA

RAI: VAN STRATEN, VOGLIONO NORMALIZZARE AZIENDA
(ASCA) – Roma, 24 set – ”Parte una trasmissione, quella forse di maggior successo della Rete Due e sembra che la RAI sia dispiaciuta di cio”’. A poche ore dall’avvio della nuova stagione di ”Annozero”, il programma di RaiDue condotto da Michele Santoro, Giorgio Van Straten, consigliere d’amministrazione dell’azienda radiotelevisiva pubblica, interviene a Radio Citta’ Futura sulle polemiche che hanno investito il programma. Sulla presenza in trasmissione in veste di ospite di Marco Travaglio, Van Straten sostiene che ”la direzione generale sta tentando di mettere il cerino della scelta del contratto di travaglio nelle mani di qualcun altro. Prima del consiglio d’Amministrazione, ora dell’Agcom. Cio’ e’ inaccettabile. La decisione spetta a Masi, decida”. Per il consigliere Van Straten, questa vicenda e’ l’ennesima conferma di un’operazione in atto ”volta a normalizzare” la RAI. ”C’e’ la volonta’ – dice – di rendere le sei grandi reti generaliste italiane tutte uguali e questo e’ un fatto grave ancor prima che sul piano politico, sul piano culturale. E’ un processo molto pericoloso. Noi all’interno dell’azienda faremo di tutto per contrastare questo tentativo. Ma la nostra battaglia sara’ piu’ incisiva tanto piu’ fuori, nel paese sara’ forte la mobilitazione contro i pericolosi processi in atto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi