RAI: CANONE IN BOLLETTA? MARTEDI’ DIBATTITO ALLA CAMERA

RAI: CANONE IN BOLLETTA? MARTEDI’ DIBATTITO ALLA CAMERA

ROMA (ITALPRESS) – Si terra’ martedi’ 29 settembre dalle ore 15.30 presso la sala Mappamondo della Camera, la tavola rotonda “Canone Rai: meno evasione, piu’ servizio pubblico”.
Al dibattito, promosso dalla rivista Formiche, hanno confermato le loro presenze, fra gli altri, Paolo Romani (vice ministero allo Sviluppo economico), Carlo Malinconico (presidente Fieg), Paolo Garimberti (presidente Rai), i componenti del Cda della Rai Rodolfo De Laurentiis, Angelo Maria Petroni, Guglielmo Rositani e Antonio Verro, i componenti della commisione di Vigilanza Rai Roberto Rao (Udc), Paolo Gentiloni (Pd) e Davide Caparini (Lega), Beniamino Caravita di Toritto (costituzionalista), Vincenzo Zeno Zencovich (costituzionalista).
L’iniziativa affrontera’ l’ipotesi di contrastare l’evasione del canone Rai attraverso il pagamento dello stesso nella bolletta elettrica. Si tratta di una scelta che consentirebbe alla Rai di recuperare risorse economiche per circa 500 milioni (la stima e’ fatta da diversi centri studi) e di avere quindi una minore dipendenza della tv pubblica dal mercato pubblicitario. Insomma, secondo la rivista Formiche che organizza l’evento, “meno evasione, piu’ servizio pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi