GOOGLE: COLLABORAZIONE NON BRACCIO DI FERRO CON MAGISTRATI

ECO:GOOGLE
2009-09-28 17:26
GOOGLE: COLLABORAZIONE NON BRACCIO DI FERRO CON MAGISTRATI
MILANO
(ANSA) – MILANO, 28 SET – Google non comprende “perché si parli di braccio di ferro con le autorità  giudiziarie italiane”, dal momento che la società  “ha sempre dimostrato piena cooperazione con le autorità  nazionali di pubblica sicurezza in quanto fornisce le informazioni richieste con estrema accuratezza e sollecitudine”. Così il colosso Internet interviene dopo le notizie di stampa che indicano una sua scarsa collaborazione con la Procura di Milano e una discrezionalità  nel comunicare dati all’autorità  giudiziaria. La precisazione arriva alla vigilia del processo che vede quattro dirigenti di Google imputati in relazione a un filmato, caricato sul motore di ricerca, che mostrava un episodio di bullismo ai danni di un disabile in un istituto tecnico torinese. “La società  – si legge in una nota – conferma la propria totale e assoluta disponibilità  a collaborare con le autorità  preposte”. “Google, da sempre, collabora con la struttura incaricata al controllo di ogni crimine informatico nel pieno rispetto degli accordi bilaterali vigenti tra Usa e Italia (Mlat). La Polizia Postale e delle Comunicazioni e il Gat (il nucleo anti crimine tecnologico della Guardia di Finanza, ndr) possono confermare come Google abbia sempre collaborato per l’individuazione di gesti criminosi e, nello stesso tempo, per la tutela della privacy dei cittadini onesti”, prosegue il comunicato. (ANSA).
MM/ S0A S41 R64 S42 QBXH

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)