RAI: ROMANI DA ZAVOLI, NO VOLONTA’ CENSORIA GOVERNO HA TITOLO INTERVENTO

RAI: ROMANI DA ZAVOLI, NO VOLONTA’ CENSORIA GOVERNO HA TITOLO INTERVENTO
(ASCA) – Roma, 29 set – Il governo non ha nessun ”intento censorio” e non ha chiesto ”sanzioni ne’ al presidente Zavoli ne’ all’Agcom” in relazione alla trasmissione Annozero, ma piuttosto rivendica il ”pieno titolo, in base a precise norme del contratto di servizio e del T.U. della tv di chiedere la verifica della corretta attuazione del contratto di servizio”. E’ quanto ha sottolineato il viceministro allo Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani al termine dell’incontro a Palazzo San Macuto con il presidente della commissione di Vigilanza Rai, Sergio Zavoli. Nel corso del colloquio, che e’ durato circa mezz’ora e che e’ stato definito dal viceministro ”costruttivo, franco”, Romani ha ”ricordato al presidente Zavoli gli articoli del contratto di servizio e del testo unico sulla televisione”, in particolare l’art.39 e l’art.2 comma 3 del contratto e l’art.38 del T.U., oltre alle delibere dell’Agcom del gennaio 2009 e quella di pochi giorni fa, ”che consentono al governo di chiedere la verifica della giusta attuazione del contratto di servizio”. In particolare, ha rimarcato Romani il T.U. ”prevede che l’Agcom possa procedere a verifiche e irrogare sanzioni sia ‘motu proprio’, sia su impulso del governo”. Per questo motivo ”non abbiamo chiesto sanzioni perche’ riteniamo che si debba procedere prima ad una fase istruttoria. Poi l’Autorita’ decidera’ di conseguenza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi