INTERNET: IL LATINO TORNA AD ESSERE LINGUA VIVA SU FACEBOOK

INTERNET: IL LATINO TORNA AD ESSERE LINGUA VIVA SU FACEBOOK
(ASCA) – Roma, 5 ott – Da oggi il latino torna ad essere una lingua ”viva”, almeno su Internet. Il piu’ popolare social network del web, Facebook, lancia da oggi la sua versione in latino, che si aggiunge cosi’ agli oltre 70 idiomi in cui il sito e’ disponibile in tutto il mondo. Lingue parlate da milioni di persone in tutto il globo, ma anche dialetti che vengono utilizzati da specifiche comunita’ e idiomi di fantasia, come il ”piratese”, dedicato agli appassionati di Barbanera e Capitan Uncino. L’annuncio e’ apparso oggi sul blog di Facebook dedicato alle novita’ del social network. ”Molte delle volte che ci ritroviamo a leggere una frase in latino, e’ sulle lapidi: incisa nelle sale universitarie, sulle facciate degli edifici governativi, su chiese e cattedrali. Una lingua che sembra quasi immobile. A partire da oggi, il latino torna alla vita”, scrive Elizabeth Linder, del team di comunicazioni di Facebook, sottolineando che malgrado non sia piu’ in uso, l’antico idioma ”non ha mai perso il suo fascino”. L’opzione ”lingua latina” compare da oggi, insieme alle lingue azeri, faroese, georgiana e nepalese, nel menu delle ”impostazioni” di ogni singolo account: fra le curiosita’, l’abituale ”A costa stai pensando?” sostituita da ”Quid cogitas?”, il tipico richiamo internettiano alla pagina principale ”Home” con ”Domus” e la parola ”epistulae” al posto di ”mail”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)