Media/World Summit Pechino: siti internet dovranno pagare notizie

Media/World Summit Pechino: siti internet dovranno pagare notizie

Ap e Murdoch contro “aggregatori e plagiatori”

Pechino, 9 ott. (Ap) – I motori di ricerca e altri siti che utilizzano gratuitamente contenuti informativi dovranno pagare: questo il messaggio lanciato dai circa 300 editori riunitisi in congresso a Pechino.

“Noi creatori di contenuti siano stati troppo lenti a reagire allo sfruttamento gratuito delle notizie di terze parti senza permesso: servizi web come Wikipedia, You-Tube o Facebook sono diventati destinazioni favorite dai clienti per le notizie di ultim’ora, lasciando da parte i siti di notizie tradizionali”, ha dichiarato Tom Curley, Ceo dell’Associated Press, che ha puntato il dito anche contro motori di ricerca e blogger: “Non tollereremo più la disconnessione fra coloro che si dedicano – con un alto costo economico e umano – a raccogliere notizie di pubblico interesse e coloro che ne traggono profitto senza sostenere l’attività “.

Su un’identica linea anche Rupert Murdoch, patron della News Corporation: “Gli aggregatori di notizie e i plagiatori dovranno presto pagare un prezzo per utilizzare i nostri contenuti. Ma se non traiamo vantaggio dall’attuale trend verso i contenuti a pagamento, saranno i creatori – le persone qui dentro – a pagare il prezzo e i cleptomani a vincere”.

Al World Media Summit di Pechino riunisce 300 rappresentanti di oltre 170 testate da 80 Paesi, che discuteranno delle sfide e delle opportunità  fornite da internet e dalle nuove tecnologie, nonché degli effetti della crisi economica.

Fra gli altri anche Giuseppe Marra, editore e direttore delle agenzie del gruppo Gmc: “C’è da augurarsi che editori e giornalisti, arrivati in ritardo a comprendere la potenzialità  delle nuove tecnologie, non commettano oggi l’errore opposto: attribuire troppo risalto al dato tecnologico e poco a dati fondamentali quale l’attendibilità , la qualità  e la valenza etica dei messaggi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)