RAI: GARIMBERTI, DA ME SOLO ‘MORAL SUASION’,DG HA VERI POTERI

RAI: GARIMBERTI, DA ME SOLO ‘MORAL SUASION’,DG HA VERI POTERI
(AGI) – Roma, 13 ott. – Il presidente della Rai puo’ esercitare solo una ‘moral suasion’, mentre i veri poteri li ha il direttore generale. Lo ha detto Paolo Garimberti, presidente del Cda di Viale Mazzini, durante l’intervento tenuto oggi a Palazzo Farnese in occasione della seconda giornata di Eurovisioni, il festival della televisione e del cinema europeo. Replicando ad un intervento in sala e a proposito del ruolo forte che ha invece il capo azienda della Bbc, Garimberti ha sottolineato che “paragonare Thomson a me e’ come paragonare la Thatcher ad un nostro Presidente del Consiglio. Per due ragioni: Thomson ha rischiato il posto per portare avanti le iniziative, ed e’ vero, ma quali sono i poteri di Thomson e quelli di Garimberti? Il discorso andrebbe fatto al direttore generale. I poteri di Thomson sono assoluti, da noi ci sono regole statutarie. Se io voglio tirare le orecchie a qualcuno che ha fatto una fesseria, devo scrivere al direttore generale perche’ lo faccia lui per me”. Garimberti ha aggiunto “per il mio carattere vorrei essere Thomson o Thatcher, ma non posso. Forse un giorno apriro’ un filone di dibattito sui poteri del presidente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi