BOMBA CONTRO CASERMA: SU WEB GUIDE-TRAPPOLA PER TERRORISTI

BOMBA CONTRO CASERMA: SU WEB GUIDE-TRAPPOLA PER TERRORISTI
ISTRUZIONI SBAGLIATE FANNO ESPLODERE ORDIGNI IN MANO ATTENTATORI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 13 OTT – Viaggiano via internet le informazioni su come costruire ordigni artigianali con sostanze chimiche comunemente utilizzate per la pulizia della casa o come concimi per le piante. Ma alcune delle ‘guide’ su web sono state create da esperti internazionali di antiterrorismo in modo che l’ordigno esploda durante la sua costruzione. Obiettivo: contrastare il fenomeno degli attentati colpendo gli attentatori prima che agiscano. E’ quanto afferma Danilo Coppe, presidente dell’Istituto ricerche esplosivistica di Parma. “Se da un lato reperire le materie prime e le nozioni su come combinarle è piuttosto facile – afferma – non tutte le informazioni che si trovano su internet su come assemblare una bomba rudimentale sono veritiere”. E aggiunge: “Ci sono siti ‘trappola’ creati ad hoc da esperti di governi stranieri che spiegano come costruire ordigni che però esplodono in fase di assemblaggio”. L’obiettivo, continua, è contrastare il terrorismo prima che colpisca. “Tanto più oggi – afferma – che dilaga il terrorismo islamico, caratterizzato da cellule individuali, non organizzate e isolate, difficili da smantellare in quanto decidono al momento come e cosa colpire”. Ma le insidie per i ‘bombaroli del web’ non finiscono qui. “Anche quando giuste – conclude Coppe – le ‘ricette’ che si trovano su internet non spiegano mai che i procedimenti sono molto pericolosi perché sviluppano vapori altamente tossici e cancerogeni anche se si inalano solo una volta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)